Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Economia Concorezzo

Linkra, la Fiom: "Quale sarà il futuro industriale dell'azienda?"

Nuovi esuberi e cassa integrazione fino a febbraio, ma nessun piano da marzo in avanti. La denuncia della Fiom sulla grave situazione della Linkra e dei suoi stabilimenti a Concorezzo e Agrate Brianza

Le notti dei lavoratori Linkra in cassa integrazione sono agitate. In questo momento, infatti, nulla è chiaro sul futuro industriale dell'azienda di telecomunicazioni con tre sedi in Brianza (Cornate d'Adda, Concorezzo e Vimercate). L'unica cosa sicura è che la cassa integrazione, terminata lo scorso 21 novembre, è stata prorogata fino a febbraio 2012. Resta dunque critica la situazione in azienda.

Ma secondo Antonio Castagnoli, della Fiom-Cgil, non ci sono notizie precise sulle intenzioni di sviluppo dell'impresa. Mentre è certo che ancora non è stato raggiunta, secondo i vertici dell'azienda, la dimensione ottimale in termini di numero di lavoratori. Delle circa 400 persone, infatti, i vertici avevano individuato in circa 130 gli esuberi.

La Linkra, che produce componentistica elettronica per usi sia civili sia militari, sconta la crisi del settore. Ma proprio a settembre, per esempio, ha stretto un importante accordo con Italtel per fornire consulenza in America Latina sui ponti radio full IP, sfruttando in sinergia le rispettive competenze.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Linkra, la Fiom: "Quale sarà il futuro industriale dell'azienda?"

MonzaToday è in caricamento