Crisi, una famiglia su tre tira la cinghia in Lombardia

Si riscopre la Sanità e la Scuola Pubblica

Se per il 60% dei lombardi, nonostante la crisi, il bilancio familiare è rimasto invariato una famiglia su tre, a Monza e Brianza, così come in tutta la Lombardia, è in difficoltà.

La situazione più difficile riguarda le famiglie dove da due stipendi si è passati a un solo componente che lavora realtà questa che in Lombardia rappresenta la situazione del 7% dei nuclei.

La crisi ha spinto una famiglia lombarda su tre a preferire strutture pubbliche di sanità, scuola, assistenza rispetto a quelle private.

È questo il quadro delineato dall’indagine “Famiglie e fiducia. Monza e Brianza, Lombardia”- 2014, realizzata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza in collaborazione con DigiCamere, nel mese di luglio, tramite metodo CATI su 900 famiglie lombarde.

Il dato più elevato riguarda Brescia, con il 36% sul totale, mentre a Monza e Brianza è il 31% della popolazione a rivolgersi a strutture pubbliche a causa della crisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento