Crisi Peg Perego, 110 lavoratori rischiano di restare a casa ma c'è uno spiraglio di luce

Nella mattinata di giovedì 28 febbraio i sindacati si sono incontrati con la proprietà dell'azienda

È ancora crisi alla Peg Perego di Arcore e proseguono le trattative tra azienda e sindacati per trovare una soluzione alternativa ai 110 licenziamenti annunciati a metà gennaio dalla direzione. Nella mattinata di giovedì 28 febbraio si è svolto un incontro tra le parti sociali e l'azienda: Peg Perego ha risposto positivamente alle richieste dei sindacati che chiedevano l'utilizzo degli ammortizzatori sociali per altri 12 mesi e incentivi per i lavoratori che (a due-tre anni dalla pensione) decidono di lasciare l'azienda.

"Per gestire la pesante situazione occupazionale, altre richieste sono state avanzate", precisano i sindacati. Tra queste "l’eventuale utilizzo di accordi di ricollocazione, l’utilizzo dell’outplacement e incentivazioni anche per coloro che pur non avendo il requisito pensionistico vogliano eventualmente uscire volontariamente". Altra questione emersa, con tutta la sua complicazione, e sul quale si devono trovare le soluzioni è la modalità delle possibili riorganizzazioni delle postazioni, anche coinvolgendo gli enti preposti, per riuscire a ricollocare i lavoratori e le lavoratrici che hanno limitazioni lavorative anche dovute ai tanti anni trascorsi nelle linee lavorative. Un nuovo tavolo di confronto è stato fissato per il pomeriggio dell'11 marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il percorso è ancora lungo e, scelto il sentiero che si vuole percorrere, la parte complicata arriva proprio ora — hanno spiegato Stefano Bucchioni della Fiom Brianza ed Eliana Dell’Acqua della Fim Brianza Lecco —. Dobbiamo provare a riempire di contenuti e poi tradurre nero su bianco quanto emerso dall’incontro odierno. Tale percorso, per la riuscita, deve essere svolto con il coinvolgimento delle istituzioni e quindi l’eventuale accordo dovrà essere fatto sul tavolo di Regione Lombardia. La questione fondamentale che come rappresentanti dei lavoratori abbiamo ribadito al tavolo è che l’unico accordo possibile non deve prevedere licenziamenti forzosi ed unilaterali".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Rapina donna in metro, passante (brianzolo) lo insegue e lo blocca con un pugno in faccia

  • Tragedia in Croazia, uccide la moglie poi si suicida: la coppia era originaria di Monza

  • Coronavirus, due casi positivi all’asilo: tampone per tutti i bambini di due sezioni

  • Cesano Maderno, bimbo positivo al covid: tampone e "quarantena" per tutta la classe

  • Tragico schianto in moto a Bienno: muore motociclista brianzolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento