Giovedì, 28 Ottobre 2021
Economia

Italia preda della "cuocomania": settore in crescita anche in Brianza

Nonostante la crisi dal 2009 il numero delle attività impegnate nel settore della ristorazione è cresciuto: a Monza il dato è +20,7%

Il cibo, una delle passioni del Bel Paese non conosce crisi e a dimostrarlo sono i dati.

Secondo una elaborazione dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese l’Italia, e la Brianza non ne è immune, è in preda a una vera e propria “cuocomania”.

A spingere tanti a trasformare la passione per i fornelli in lavoro è stata soprattutto la crisi e recenti rilievi hanno dimostrato che il settore della ristorazione in Italia è in crescita e non conosce recessione.

Tra il 2009 e il 2014 il numero di attività commerciali, tra ristoranti, locali d’asporto, ambulanti, gelaterie, pasticcerie e bar, è cresciuto del 12,7%.

La variazione più elevata d’Italia si registra in Sicilia, a Palermo (+27,5%), ma si posiziona bene anche la Lombardia con Milano (+22,6%) e il territorio brianzolo. A Monza e Brianza il numero di locali e attività legati alla ristorazione è cresciuto in cinque anni del 20,7%.

Tra le nuove imprese della ristorazione iscritte nei primi nove mesi del 2014 in Italia il 40,8% ha come titolare un under35, il 38,8% una donna e 1 impresa su cinque è guidata da uno straniero, dato che sale al 30,1% nella ristorazione con preparazione di cibi da asporto senza somministrazione, mentre il 44,4% delle nuove gelaterie e pasticcierie in Italia è “rosa”.

La Camera di commercio di Monza, nell'ambito dell'Accordo di Programma Competitività tra Sistema Camerale lombardo e Regione Lombardia, inoltre sostiene il bando “Creatività e commercio: spazi espositivi per l'attrattività territoriale” che mette a diposizione delle imprese del commercio e della ristorazione attive in Lombardia, oltre 620mila euro di contributi a fondo perduto per la realizzazione di vetrine e spazi espositivi creativi da parte di esercizi pubblici e commerciali che migliorino l’esperienza di visita e promuovano lo shopping esperienziale ed emozionale nei punti vendita.

Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12 del 4 marzo 2015 alle ore 12.00 del 24 marzo 2015, e comunque fino a esaurimento risorse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia preda della "cuocomania": settore in crescita anche in Brianza

MonzaToday è in caricamento