menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La libreria dell'Arengario

La libreria dell'Arengario

"Uccisi da Internet e dagli e-commerce": chiude la Libreria dell'Arengario di Monza

La libreria giuridica del centro di Monza chiuderà i battenti a dicembre

È destinata a chiudere per sempre a dicembre la Libreria dell'Arengario di Monza, unico negozio della città che vende testi giuridici. L'annuncio è arrivato nei giorni scorsi sulla pagina Facebook dell'attività. Il motivo? I conti che non tornano a causa di un mercato che non esiste più.

La libreria di via Mapelli 4, infatti, aveva aperto i battenti nel 1980 in un mondo completamente analogico. Matteo, l'attuale titolare, aveva iniziato come fattorino, pochi mesi dopo era passato nello staff di vendita e nel 1990 aveva rilevato il negozio che dal 1997 condivide con il socio Andrea. "Adesso la carta è stata soppiantata dal digitale, dai libri ai documenti", commenta amaro Matteo. La crisi del negozio va avanti da diversi anni: "Dal 2010 a oggi abbiamo perso quasi il 50% del fatturato, il colpo finale ce l'ha dato Amazon che vende testi con degli sconti che noi non possiamo neanche immaginare".

La crisi del negozio va avanti da alcuni anni: "Dal 2010 a oggi abbiamo perso quasi il 50% del fatturato, non possiamo competere nemmeno con i colossi delle vendite online che effettuano sconti che non possiamo neanche immaginare".

Ma secondo Grieco ci sarebbe un altro responsabile: il centro città sempre più off limits alle auto. "Arrivare in centro a Monza apposta per fare acquisti non è più conveniente: pochi parcheggi e soprattutto è scomodo — spiega Andrea —. Non è una situazione isolata, altri commercianti sono nella nostra medesima situazione".

Prima di abbassare definitivamente la cler la libreria ha deciso di salutare i propri clienti con un'iniziativa particolare: "Stiamo scrivendo dediche a chi acquista un libro — spiega Matteo —. Abbiamo iniziato per gioco perché  solitamente le dediche le fa l'autore, non il libraio. Poi è partito il tam-tam anche grazie a un post su Facebook. È un modo per salutare chi ha condiviso con noi parte della sua vita professionale diventando nostro amico, non solo cliente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento