Micron, presidio al Pirellone. I sindacati scrivono a Matteo Renzi

I vertici dei metalmeccanici nazionali chiedono che della vertenza si occupi direttamente Palazzo Chigi. A rischio più di 400 posti di lavoro

Il presidio (foto Twitter @losavio_aldo)

Presidio di lavoratori della Micron davanti al Pirellone: una delegazione è stata ricevuta all'interno. Il caso di Micron e dei licenziamenti diventa intanto nazionale: sono scesi in campo i segretari generali e i coordinatori nazionali di Fiom-Cgil (Maurizio Landini e Roberta Turi), Fim-Cisl (Giuseppe Farina e Nicola Alberta) e Uilm-Uil (Rocco Palombella e Luca Colonna) con una lettera al presidente del consiglio Matteo Renzi.

La speranza è che Palazzo Chigi intervenga sia su Micron (dove 419 lavoratori sono a rischio licenziamento in tutta Italia), sia su altre aziende del settore. Anche Enzo Bianco, sindaco di Catania (dove un centinaio di lavoratori Micron rischia il posto), è direttamente impegnato in un tavolo territoriale sulla vertenza. L'obiettivo è rilanciare la microelettronica in vista dei fondi europei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento