"Dalla crisi si esce con ottimismo, occorre la voglia di fare"

Il presidente dell'Unione commercianti di Monza, Giuseppe Meregalli, spiega a MonzaToday le sue ricette per scrollarsi di dosso il momento difficile dell'economia italiana. E sui saldi: "Innegabili gli sconti da settembre in poi"

Dai saldi alla crisi economica. MonzaToday ha sentito Giuseppe Meregalli, che oltre ad essere vicepresidente della camera di commercio è anche il presidente dell'unione commercianti di Monza. Il tema principale dell'intervista è quello dei saldi, una specie di "tormentone" che quest'anno è stato caratterizzato da alcune novità: ad esempio l'idea di fissare, per quasi tutta Italia, la data d'inizio al 5 gennaio evitando così il "pendolarismo" da una regione all'altra.

"Tormentone", però, anche per le usuali polemiche sugli sconti pre-saldi e sui relativi controlli. Intanto escono notizie ambivalenti su cosa ci si aspetta per il 5 gennaio: da una parte si viene a sapere che i lombardi spenderanno più che per Natale, dall'altra che aumentano coloro che non faranno acquisti.

"Una volta - ci spiega Meregalli - saldare significava liberarsi di una scorta. Ora, e soprattutto quest'anno, con la crisi economica di agosto, il significato si è un po' perso. E i commercianti hanno dovuto iniziare a fare sconti subito dopo le vacanze estive".

Ma cerchiamo di chiarire un punto. Qual è il confine tra lecito e illecito negli sconti precedenti ai saldi?

Il saldo è, in sintesi, esporre un cartellino con prezzo iniziale, entità dello sconto e prezzo finale. Questo è obbligatorio durante i saldi, ma a casa sua ognuno fa ciò che vuole. E quindi può fare sconti ai clienti, magari a quelli più affezionati, anche prima della stagione dei saldi. Con la crisi di agosto tutti sono partiti prima di gennaio, per accaparrarsi un mercato che è scarso. Il problema è proprio questo...

Il mercato scarso...

Esatto. Al di là del commercio, si deve parlare di rilancio dell'imprenditoria e del lavoro in generale. Ma come si può parlarne se tutti sono concentrati sulle situazioni negative, che vanno male? Eppure, dai dati economici si evince che in Brianza e in Lombardia non stiamo male rispetto alle regioni europee più forti.

Questo anche se vi sono, pure in Brianza, aziende in crisi.

Certamente, e per chi vi lavora è un grosso problema, ma anche in confronto ai Paesi confinanti gli indicatori della Brianza sono ancora positivi.

Il governo sta tentando la strada delle liberalizzazioni nel commercio.

Sì, e non è la strada per aumentare le vendite. Se un negozio resta aperto di più, non per questo venderà di più: semmai venderà la stessa merce ma spalmata su più ore. Per vendere di più occorre che la gente torni a consumare, e per tornare a consumare occorre che ci siano più posti di lavoro. Ma il rilancio dell'economia e dell'occupazione sono continuamente rimandati.

Parlando della crisi economica del Paese, lei è ottimista o pessimista?

Sono più che ottimista. L'Italia si è formata, negli anni '50 e '60, sulla gran voglia di lavorare. Tutti, dall'operaio al capo dell'azienda, avevano voglia di costruire il futuro senza pensare al (magari scarso) guadagno immediato. Oggi noi guardiamo soprattutto all'economia finanziaria e a quanto guadagniamo nell'immediato. Il punto è scrollarsi di dosso questi momenti e cercare di "fare". Forse bisognerebbe ritrovare lo spirito di quegli anni.

E il governo?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il governo sta solo toppando le falle, ma se la nave affonda bisogna anche togliere tutta l'acqua. Occorre fare le due cose insieme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus non si ferma: in un giorno 163 contagi tra Monza e Provincia. Tutti i dati

  • Monza, fingono di fare la spesa insieme per vedersi: scatta la maxi multa

  • Coronavirus, a Monza e Brianza 2.462 casi di Covid-19: 100 in più in un giorno

  • Monza, città "silenziosa e deserta" nelle immagini riprese dal drone

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Monza e in Lombardia: le prime previsioni

  • "Non cresce la linea dei contagi, sta per iniziare la discesa", Fontana fa il punto sui dati

Torna su
MonzaToday è in caricamento