Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia

Monza, il 10 per cento delle nuove imprese non dura più di due anni

Nella provincia brianzola il 9,4% delle aziende non supera la fase di start up, ma i numeri sono in linea con quelli nazionali. Ma se l'imprenditrice è donna resiste meglio

MONZA - Il 9,4% delle nuove imprese in provincia di Monza aperte tra il 2011 e il 2012 non è sopravvissuta ai primi due anni di vita. Dati allarmanti quelli della provincia brianzola, ma purtroppo perfettamente in linea con la media nazionale del 9.6%. È quanto emerge da elaborazioni dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese.

Secondo la classifica le regioni meno sicure per iniziare una nuova attività sono Piemonte e Puglia dove la percentuale delle nuove attività che non durano più di due anni sale rispettivamente a 10,9% e 10,7%. In Lombardia la media delle nuove imprese che non superano due anni di vitaè del 9,8%: Milano, al 9,2% fa meglio di Monza. Ma se l’impresa è guidata da una donna, affronta meglio le difficoltà dello start up: in Lombardia scende infatti all’8,4% la percentuale delle imprese rosa che chiude nei primi due anni di vita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monza, il 10 per cento delle nuove imprese non dura più di due anni

MonzaToday è in caricamento