Casagrande & Recalcati "Ipervanitas - La natura come memoria"

Casagrande & Recalcati - IPERVANITAS La natura come memoria -
Il Duo Casagrande & Recalcati, inseparabili professionisti, sono artisti virtuosi e raffinati
la cui opera denota sapienza, capacità tecnica, forbita ricerca e perizia esecutiva. Dalla tela al
pennello, dalla forma al colore ed ecco che si compie la magia: capolavori di pura
contemplazione. I dipinti di C&R sono memoria della permanenza delle cose, strumento che si
fa carico di fissare il fascino effimero e immutato del tempo, antidoto contro la brutalità dei
tempi moderni. Sono riflesso della vita e fine della stessa. Sono memoria del passato, affezione
del presente e testimonianza per il futuro. Opere che diventano uno zoom sulla realtà
naturalistica, dall’elegante perfezionismo estetico, ma se abbiamo la capacità di volgere lo
sguardo, al di là del puro piacere visivo, guardando oltre la forma e il colore, ci imbattiamo
nella totale e travolgente bellezza del creato, della nostra stessa esistenza e della caducità
dell’umano vivere.
Tutti i dipinti portano il titolo “Ipervanitas”, gli stessi artisti hanno dichiarato: “si tratta di un
termine d’invenzione composto dalla parola latina “vanitas”, per ricollegarci idealmente a quel
genere di pittura che voleva mostrare la vanità delle cose mondane, a cui abbiamo aggiunto il
suffisso di origine greca “iper” per sottolineare come i nostri dipinti siano soprattutto una
celebrazione della fragilità dell’esistenza e di tutto ciò che è effimero e fuggevole.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Si alza il sipario al Villoresi: in scena cento anni di teatro

    • dal 10 ottobre 2020 al 30 maggio 2021
    • Teatro Villoresi
  • Teatro Binario 7: ecco la nuova stagione teatrale

    • dal 23 ottobre 2020 al 9 maggio 2021
    • Teatro Binario 7
  • "Che Spettacolo!": al via la rassegna di teatro ragazzi

    • dal 8 novembre 2020 al 7 febbraio 2021
    • Auditorium
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    MonzaToday è in caricamento