A Cesano tutti in bianco per l'"Unconventional Dinner"

Il 20 settembre la prima "cena in bianco" in Brianza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

A Cesano Maderno il 20 settembre nella magica cornice di Palazzo Arese Borromeo prenderà vita, grazie all'amore per il territorio, alla passione e alla tenacia di Francesca Chimirri e Simone Toninato, la prima edizione di "Cena in Bianco Unconventional Dinner".

L'iniziativa gratuita, tutta di sapore italiano e legata al recupero del territorio, nasce due anni fa grazie all'energia e alla passione di Antonella Bentivoglio d'Afflitto, torinese di origini napoletane, direttore creativo, esperta visionaria di comunicazione e di social media. Antonella ci ha creduto, l'ha sognata, pensata per bene, voluta, creata. È partita da Torino nel 2012 con una sala da pranzo en plein air, davanti a Palazzo Reale, per poi diffondere l'idea grazie ad instancabili partner che si sono proposti per realizzarla da nord a sud. In poco più di 24 mesi una vera mania da "Cena in Bianco Unconventional Dinner" ha invaso candidamente le piazze e le strade più suggestive dello Stivale svelando, con una "cena non convenzionale" in luoghi ogni volta diversi, un modello di convivialitá e di socialità per vivere la strada in modo alternativo e affascinante. Migliaia le persone che hanno accolto la proposta scendendo in strada con tavolo da pranzo, piatti e sedie, per mangiare tutti insieme e rendere unica la propria città.

Ad oggi, infatti, sono 89 le città che hanno deciso di portare avanti l'iniziativa aderendo al progetto "Cena in Bianco Unconventional Dinner", un'idea che è un format, una manifestazione con marchio registrato da Antonella Bentivoglio d'Afflitto. «Avevo voglia di realizzare qualcosa che fosse della gente e per la gente - ha spiegato l'ideatrice -. Volevo che la cena prendesse vita da Torino, la mia città, per poi diffondersi generando una squadra da nord a sud unita da un comune intento e senza scopo di lucro, soprattutto "concentrata" sull'idea del social eating. In questo modo sono riuscita a portare la gente per strada, a cena in luoghi incantevoli e spesso poco noti».

Il format è semplice: tutti possono partecipare, grandi e piccini, in maniera totalmente gratuita, è necessario portare tutto da soli, vestirsi di bianco, organizzarsi con tavoli, sedie, cibo, tovaglie, piatti, bicchieri (vietate carta e plastica!) e, naturalmente, far partire il passaparola!

L'iniziativa che viene sempre lanciata sui social media e attraverso il blog ufficiale www.unconventionaldinner.blogspot.it si basa su 5 regole, le "5 grandi E": Etica, Estetica, Educazione (civica), Eleganza, Ecologia.

La scintilla tra Francesca Chimirri e "Cena in Bianco Unconventional Dinner" è scoccata quando lei ha visto le immagini della prima edizione dell'evento torinese e ha poi deciso di partecipare a quella del 29 giugno scorso in piazza San Carlo. Quella sera l'avventura brianzola ha cominciato a prendere forma.

Sabato sera, dunque, il debutto a Cesano Maderno in grande stile: sono quasi 900 le persone che hanno aderito. Per realizzare questo evento sociale patrocinato dal Comune, spiegano gli organizzatori, si è creata una vera e propria gara di solidarietà tra i cittadini.

I commensali potranno accedere a Palazzo Arese Borromeo e in piazza Esedra a partire dalle 18. Alla stessa ora si inizierà ad apparecchiare tutti insieme e alle 20,15 è previsto l'inizio della cena.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento