Come sono diventato stupido: in scena il 17 gennaio a Lissone

Lo spettacolo

Come sono diventato stupido, lo spettacolo tratto dal romanzo di Martin Page, arriva a Lissone venerdì 17 gennaio, grazie alla produzione della Compagnia Teatro Binario 7.

Sinossi

“Conosco un sacco di idioti, incoscienti, gente piena di certezze e di pregiudizi, dei perfetti imbecilli, e come sono felici!”, dice il protagonista, Antoine, affetto da una grave malattia: l’intelligenza. È una persona particolarmente dotata, più della media, e ha capito che la sua curiosità intellettuale è una condanna. Tenta varie strade per risolvere la sua difficoltà fino a quando prenderà la decisione definitiva, diventare stupido. Lo farà attraverso gruppi di educazione al suicidio, abuso di farmaci, ipotesi di lobotomia, lunghe serate trascorse a giocare a Monopoli.​

Ma non è così facile, il percorso è più accidentato di quanto sembri. Lui vorrebbe dimenticare di capire, appassionarsi alla quotidianità, credere nella politica, comprare bei vestiti, seguire gli avvenimenti sportivi, fantasticare sull'ultimo modello di automobile, guardare con interesse e partecipazione emotiva i programmi televisivi. Vorrebbe tutto questo. E soprattutto vorrebbe stare bene con gli altri, non capirli, ma essere come loro, fra di loro, uno di loro, e come loro condividere le stesse cose.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Si alza il sipario al Villoresi: in scena cento anni di teatro

    • dal 10 ottobre 2020 al 30 maggio 2021
    • Teatro Villoresi
  • Teatro Binario 7: ecco la nuova stagione teatrale

    • dal 23 ottobre 2020 al 9 maggio 2021
    • Teatro Binario 7
  • Al Must la mostra degli studenti del Banfi dedicata ai libri d'artista

    • dal 10 marzo al 30 maggio 2021
    • MUST - Museo del territorio vimercatese
  • Al Mac protagonisti i colori con la mostra di Raffaele Cioffi

    • Gratis
    • dal 17 febbraio al 25 aprile 2021
    • MAC Museo d’Arte Contemporanea
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    MonzaToday è in caricamento