A Seregno gli spazi pubblicitari ospitano le opere d'arte

Il progetto di arte diffusa è stato ideato e realizzato dagli artisti brianzoli Felice Terrabuio e Roberto Spadea fondatori dell'associazione Streetartpiu

L'arte invade la città di Seregno. Gli spazi pubblitari del Comune si trasformano in gallerie a cielo aperto permettendo a chiunque di ammirare le opere di artisti del territorio.

Si intitola “Publikart”, l'evento di contaminazione artistica  Streetartpiù l'associazione artistica monzese ideata e guidata da Felice Terrabuoi e Roberto Spadea. Un sodalizio già noto sul territorio e che si è fatto conoscere e apprezzare per la sua visione dell'arte che esce dagli schemi e dagli spazi tradizionali di gallerie e musei, e che si apre al territorio. 

In questi giorni ventitrè spazi delle affissioni sono stati "occupati" dai  manifesti che riproducono lavori realizzati da un gruppo di artisti emergenti, per fare conoscere le loro straordinarie capacità artistiche, attraverso questo nuovo e curioso mezzo di espressione

 Un modo aperto, sociale di fare arte, utilizzando spazi di notevole dimensioni che ci sono ovunque in città.  Una sinergia tra le arti, con produzione di nuove forme di creatività artistica, specialmente delle generazioni più giovani, in un confronto con il mondo che cambia e attraverso nuovi linguaggi espressivi, spiegabili e inspiegabili, quasi neo-futuristi…

Uno sguardo individuale che si fa universale, un'azione che parte dal singolo artista per parlare a tutti, per sottolineare i forti e innegabili legami tra creatività, spazi urbani, vita quotidiana.

Per le vie di Seregno è possibile ammirare le opere di  Bettybellù (Anna Bellù&Elisabetta Orsenigo), Paolo Monga, Beatrice Spadea, Joepalla, Lorenzo Brivio, Elisabetta Oneto, Andrea Arrigoni, Giacomo Morelli, Luca Panucci, Valeriangelini, Gep, Alessio Ceruti, Gianni Corrado, Betty Zola, Sonia Scaccabarozzi, Peter Hide, Paola Paleari, Marco Paleari, Giorgio Bernasconi, Enrica Passoni, Gabriele Napoli, Tommaso Lugoboni e Andrea Sanvittore.

I manifesti delle dimensioni di 2 X 1,40 metri sono stati collocati in via Parini(Luca Panucci e Beatrice Spadea), corso Matteotti(Andrea Sanvittore), via Montello(Betty Zola), via Cavour(Sonia Scaccabarozzi e Lorenzo Brivio), Via Stefano da Seregno/piazza Roma(Giorgio Bernasconi), via Marconi (Joepalla), via Toselli (Peter Hide), via Stadio (Gianni Corrado), via Colzani fronte civico 137(Tommaso Lugoboni e Gabriele Napoli), largo degli Alpini(Elisabetta Oneto), via Stoppani(Enrica Passoni), via Verdi(Alessio Ceruti e Valeriangelini), piazza XXV Aprile/Stazione FS (Paolo Monga), via Magenta (Gep), via Briantina(Bettybellù e Paola Paleari).

L'arte diffusa a Seregno ormai è di casa; all'inizio di agosto verranno utilizzati anche impianti 6X3 metri di via Briantina e Colzani, con le opere di  Andrea Arrigoni, Giacomo Morelli, Marco Paleari . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

Torna su
MonzaToday è in caricamento