Mostra di fotografie di Vivian Maier in Arengario

Dopo il successo dell'esposizione dedicata a Robert Doisneau, in Arengario torna protagonista la fotografia con una mostra omaggio a Vivian Mier, considerata una delle maggiori esponenti della street photography.

La mostra, inaugurata sabato 8 ottobre, resterà a Monza fino all'8 gennaio. Vivian Maier, nata a New York da madre francese e padre austriaco, nel 1926 trascorre la maggior parte della sua giovinezza in Francia, dove comincia a scattare le prime fotografie utilizzando una modesta Kodak Brownie. Nel 1951 torna a vivere negli Stati Uniti e inizia a lavorare come tata per diverse famiglie. Fotografa per vocazione, Vivian non esce mai di casa senza la macchina fotografica al collo e scatta compulsivamente con la sua Rolleiflex accumulando una quantità di rullini così numerosa da non riuscire a svilupparli tutti. Tra la fine degli anni Novanta e i primi anni del nuovo millennio,a causa di gravi difficoltà economiche, Vivian vede i suoi negativi andare all’asta a causa di un mancato pagamento alla compagnia dove li aveva immagazzinati e parte del materiale viene acquistato nel 2007 da John Maloof, un agente immobiliare, che, nei lavori della giovane fotografa vede un immenso potenziale e dà vita a un archivio con 120.000 negativi. Grazie a questo immensoo tesoro oggi la produzione della "bambinaia-fotografa" può essere conosciuta da grande pubblico.

A Monza l'allestimento rappresenta un racconto per immagini composto da oltre cento fotografie – in maggior parte mai esposte prima in Italia – in bianco e nero e a colori, oltre che da pellicole super 8 mm, il percorso espositivo descrive Vivian Maier da vicino, lasciando che siano le opere stesse a sottolineare gli aspetti più intimi e personali della sua produzione.

"Tra le opere che si possono ammirare in Arengario ci sono i celebri e originali autoritratti della Maier e gli scatti della fotografa fra le strade di New York e di Chicago: la vita di tutti giorni, in particolare quella dei quartieri borghesi dove l’artista lavora, è resa attraverso uno sguardo attento soprattutto a ciò che sta ai margini, a ciò che è lasciato da parte, come gli oggetti trovati nei bidoni della spazzatura o abbandonati sui marciapiedi" spiegano gli organizzatori. 

LE INFORMAZIONI - Il costo del biglietto di ingresso è di 9 euro intero, 7 euro ridotto. Orari: da martedì a venerdì, 10.00-13.00/14.00-19.00; sabato, domenica e festivi, 10.00-20.00; lunedì chiuso.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • LetterArte 2020: mostre e incontri in Galleria civica

    • Gratis
    • dal 29 ottobre al 25 novembre 2020
    • Galleria Civica

I più visti

  • Visite guidate alla scoperta degli angoli più suggestivi di Monza

    • dal 5 settembre al 12 dicembre 2020
  • Torna il tempo delle mele: raccolta nel frutteto del parco

    • Gratis
    • dal 29 agosto al 31 ottobre 2020
    • Frutteto del Parco
  • Cammino di Sant'Agostino: cinque percorsi tra storia e fede

    • Gratis
    • dal 27 settembre al 31 ottobre 2020
  • A Monza mercatini di Natale Covid free

    • Gratis
    • dal 28 novembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Piazza Carducci e piazza San Paolo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    MonzaToday è in caricamento