Il convento francescano di Monza è il primo al mondo certificato a emissioni zero

Grazie alla piantumazione di 20 alberi d'ulivo, e alle numerose iniziative green, il convento di via Montecassino 18 ha ottenuto la prestigiosa certificazione Zero Emission

Un piccolo successo per la città di Monza: il suo convento francescano di via Montecassino 18 è il primo al mondo certificato "Zero Emission" (a emissioni zero). La sua “impronta carboniosa” è infatti totalmente compensata e azzerata con equivalenti azioni sostenibili. 

L’emissione annua di gas serra del convento francescano (con gli annessi santuario, ostello della gioventù e mensa francescana dei poveri) nel 2019 è stata di complessive 110,77 Tonnellate di CO2, ed è stata totalmente neutralizzata con le seguenti quattro modalità:

  • installazione di un impianto fotovoltaico in autoconsumo e immissione in rete
  • acquisto di energia elettrica da fonte rinnovabile con Garanzia d’Origine;
  • piantumazione arborea con varie essenze, effettuata in sito
  • dotazione ed annullamento di certificati CER da produzione rinnovabile

La certificazione “Zero Emission” fa del convento francescano di Monza una realtà all'avanguardia dal punto di vista ambientale, in largo anticipo sull’obiettivo europeo del “Green Deal” (la totale neutralità ambientale, da raggiungere entro il 2050). Èd è una certificazione dal sapore “francescano”, rispettosa e amica di quel Frate Sole menzionato da San Francesco 800 anni fa nel suo celebre Cantico delle Creature.

A tale risultato il convento è giunto grazie a numerose iniziative. Da ultimo, la piantumazione di 20 alberi d'ulivo. In occasione della Giornata Zero Emission (o ZE-Day), nata per sensibilizzare sulle problematiche causate dalle emissioni di gas serra, l'azienda monzese Energy Saving Spa, operante sin dal 2000 nell’ambito dell’efficienza energetica e della sostenibiltà ambientale, ha piantato gli alberi all’interno del Convento, alla presenza di Frate Celestino Pagani (responsabile della Mensa del povero e responsabile agronomo della comunità francescana monzese) e di Don Massimo Pavanello, coordinatore della Pastorale “Laudatò sii” nell’Arcidiocesi di Milano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli ulivi messi a dimora, uniti alle piantumazioni effettuate in sito dai frati francescani negli anni più recenti e all’installazione di un impianto fotovoltaico, hanno consentito il conferimento da parte di Energy Saving al Convento monzese della Certificazione “Zero Emission”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

  • Pizza e cocaina nel locale, tre arresti dei carabinieri a Giussano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento