Rifiuti zero, la sperimentazione a Vimercate parte dai Parchi

Niente più cestini nelle aree verdi cittadine ma appositi cartelli per suggerire ai visitatori comportamenti virtuosi

Parchi senza cestini dei rifiuti e città più pulite, a partire dalla aree verdi, senza cartacce abbandonate o bottiglie. La rivoluzione "green" a Vimercate parte dai parchi cittadini.

Con il nuovo anno in città è arrivata l'iniziativa parchi a “rifiuti zero”, con i parchi senza i cestini dei rifiuti. Attraverso un’apposita segnaletica i cittadini saranno educati a comportamenti virtuosi, come non abbandonare la bottiglia di plastica o il pacchetto di sigarette in un angolo del parco durante la passeggiata, ma portarli a casa e differenziarli correttamente negli scarti domestici.

“La nostra generazione deve capire che, se non cambiamo stile di vita e abitudini di consumo, mettiamo a repentaglio la vita stessa sulla Terra: l'ambiente naturale sarà a rischio e le prossime generazioni avranno seri problemi” ha spiegato l’assessore all’ecologia e innovazione Maurizio Bertinelli. "Un comportamento responsabile passa anche attraverso un maggior rispetto e cura dei nostri parchi, dove giocano i nostri bambini e dove famiglie e anziani passano i momenti migliori della giornata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Amministrazione Comunale di Vimercate punta a considerare i parchi cittadini come laboratorio di un diverso modello di società e gli spazi verdi saranno affidati alla gestione delle cooperative sociali Il Cedro e Lo Sciame che si prenderanno cura dei parchi pubblici cittadini Trotti, Sottocasa, Gussi, Ruginello, Oreno e Volontieri. Queste cooperative di Cavenago Brianza che già operano su territorio da anni metteranno a disposizione la loro passione e le loro competenze in ambito ambientale e agronomico, con l’importante valore aggiunto di agevolare persone svantaggiate, offrendo loro un'opportunità di valorizzazione e inserimento in ambito lavorativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento