Car sharing a Monza: "Si può". La proposta del Movimento Cinque Stelle

Depositata lunedì da parte del consigliere Nicola Fuggetta la mozione per l'introduzione di un sistema moderno ed evoluto di auto in condivisione anche a Monza

Una postazione car sharing in Brianza

Mentre a Monza sta prendendo forma il sistema di bike sharing i cui lavori dovrebbero consegnare alla città già in primavera postazioni dove prendere e depositare le biciclette per muoversi in libertà per il capoluogo brianzolo c'è già chi pensa in grande e sul territorio monzese vorrebbe anche il car sharing.

L'idea non è nuova e lo stesso Nicola Fuggetta, consigliere del Movimento Cinque Stelle, l'aveva lanciata durante un consiglio comunale qualche settimana fa.

Lunedì Fuggetta ha depositato una mozione per "l'introduzione di un sistema moderno ed evoluto di auto in condivisione (carsharing) a Monza".

"La proposta è parte del nostro programma elettorale sotto la stella Mobilità integrata e sostenibile. Ci tengo a precisare che la misura viene avanzata oggi perché vogliamo dare il nostro contributo sul tema in una fase critica per la mobilità monzese ("rivoluzione" di largo Mazzini, stallo nel prolungamento della MM1, crisi del TPL)" ha spiegato il consigliere a Cinque Stelle.

Un sistema di auto in condivisione a Monza potrebbe risolvere non pochi problemi e alleviare le difficoltà dovute al traffico, alla congestione veicolare e l'incubo dei parcheggi.

Secondo i dati presentati nella mozione da Fuggetta e desunti da notiziari statistici "nel confronto con gli altri capoluoghi lombardi, Monza è al secondo posto con 619 auto ogni mille abitanti dopo la provincia di Varese (633) e ben al di sopra della media regionale (588)".

Il concetto di Mobilità Sostenibile è ancora estraneo al capoluogo brianzolo che secondo il settimo rapporto Euromobility sul tema tra le principali 50 città italiane colloca Monza al 40esimo posto.

A Monza un'alternativa all'uso della propria auto c'è già oggi ma il servizio è poco diffuso sul territorio e poco conosciuto: si tratta del car-sharing gestito da GuidaMi, l’azienda milanese parte del gruppo ATM, attivo in città dal 2006. Ma, stando ai dati forniti nel documento, gli utenti del servizio sono stati davvero esigui (12 nel 2006, 40 nel 2007, 63 nel 2008, 72 nel 2009 e 84 nel 2010) così come le auto messe a disposizione dal servizio (solo due) e le aree di prelievo (P.za Castello e L.go IV Novembre). 

"Il car-sharing è uno stimolo a ragionare in termini più versatili e a liberarsi dalla schiavitù dell'auto di proprietà. Ricorrere spesso a tutte le alternative possibili (tra cui il car-sharing) fa bene alla città, alla salute, al portafogli" ha spiegato ancora Fuggetta.

La soluzione da individuare per attivare un servizio esteso di car sharing a Monza punta a operatori pubblici e privati opportunamente convenzionati con l’amministrazione oppure guarda all’opportunità di estendere il sistema di auto in condivisione attualmente sviluppato sul capoluogo lombardo anche a Monza.

Fuggetta ha anche sottolineato nel documento la necessità di raccogliere le opinioni dei cittadini in merito alla proposta attraverso sondaggi e la possibilità di coinvolgere nel progetto non solo la città di Monza ma l'intero territorio brianzolo dove esitono già diversi punti di interscambio di carsharing (Leggi qui). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento