rotate-mobile
Green Biassono

Il comune smart e green che si illumina solo con la luce led

Piano rivoluzionario a Biassono: in arrivo 1.800 luci smart che illumineranno anche i principali monumenti

Saranno installate oltre 1800 nuove lampade con tecnologia a led che illumineranno le vie e i principali monumenti della città. Un comune green quello di Biassono che ha scelto Engie come partnert per diventare un centro urbano smart e sostenibile.  Il progetto garantirà un risparmio di energia di oltre l’80% e un taglio di emissioni in atmosfera di  CO2 pari a 264 tonnellate all’anno.

Il borgo diventa smart

Innovazione e risparmio saranno i due pilastri del rilancio energetico che l’amministrazione comunale ha deciso sia per l’illuminazione stradale che per alcuni edifici pubblici. Saranno interessati, tra questi, il santuario della Brughiera, la torre dell’Acquedotto, l’edificio di ingresso del cimitero, il monumento ai caduti, il monumento Macina e piazza Italia. "Saranno valorizzati secondo un ‘lighting concept’  che coniugherà arte e luce, migliorandone la quantità e la qualità e riducendo l’inquinamento luminoso", fanno sapere da Engie. Inoltre ogni palo dell’illuminazione pubblica sarà dotato di un sistema Gps, permettendone la geolocalizzazione e il controllo da remoto, per la regolazione luminosa, in base all’orario e alle condizioni atmosferiche, e per reagire prontamente a interventi di manutenzione. Saranno installati 12 sensori “motion light”, 5 per la gestione del traffico di 10 corsie e 7 in parchi e piste ciclabili, per regolare la luminosità in base alle condizioni meteo e di visione e aumentare la sicurezza dei cittadini durante le ore di buio.

Non solo luci led

Diversi gli strumenti “smart” messi al servizio della cittadinanza: una colonnina per la ricarica di auto elettriche, una postazione con defibrillatore di emergenza presso il centro sportivo comunale, una panchina innovativa dotata di illuminazione  e 4 prese usb per la ricarica di smartphone e tablet, diffusori audio integrati e hotspot wifi. Attualmente, in Lombardia, Engie gestisce l’illuminazione pubblica di 77 comuni per un totale di circa 60mila punti luce.

"Più sicurezza e risparmio"

“Biassono, attraverso un percorso iniziato qualche anno fa, avvia la sua trasformazione in una 'smart city' - dichiara il vicesindaco Donato Cesana -. A breve inizieranno i lavori per rinnovare l’intera illuminazione pubblica del territorio, trasformandola con tecnologia led a basso consumo e interamente telecontrollata. Questo permetterà di avere più sicurezza in strade, giardini e piazze, avere una gestione di guasti e anomalie 'intelligente' e, soprattutto, l’abbattimento e la razionalizzazione delle spese per consumi elettrici e manutenzioni. Una scelta green che è solo l’inizio per trasformare Biassono in un borgo smart”.  “Le tecnologie innovative e smart introdotte in questo progetto virtuoso permetteranno di valorizzare il centro urbano di Biassono garantendo sicurezza ed efficienza dell’intera rete dei servizi - dichiara Marco Massaria, direttore Area Nord di Engie -. L’amministrazione ha scelto di adottare tecnologie innovative ispirandosi a un modello di città in grado di conciliare creazione di valore economico, riduzione della carbon footprint e impatto sociale positivo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comune smart e green che si illumina solo con la luce led

MonzaToday è in caricamento