Aprire un bed&breakfast a Monza: requisiti e procedure

Vuoi aprire un bed&breakfast a Monza? Ecco quali documenti ti servono e quali regole devi rispettare

Hai una bella casa a disposizione, con tante stanze e magari un bel giardino, e stai sognando di "metterla a reddito"? Ho magari hai ereditato un immobile e, anziché venderlo o affittarlo, vorresti trasformarlo in un lavoro? Aprire un bed&breakfast può essere la risposta. Non solo ti può regalare un guadagno, che sia un extra o che punti invece a trasformarlo nella tua principale attività: avere e gestire una struttura ricettiva di questo tipo è anche molto coinvolgente, divertente, ti può far viaggiare per il mondo ascoltando - semplicemente - le storie di chi ospiti. Ma quali sono le regole per aprire un bed&breakfast a Monza? Scopriamolo insieme.

Aprire un bed&breakfast a Monza: le regole della Regione Lombardia

In Lombardia, un bed&breakfast è un'attività a conduzione familiare svolta in forma non imprenditoriale da chi, in maniera non continuativa, fornisce alloggio e prima colazione in non più di quattro camere con un massimo di dodici posti letto, avvalendosi della normale organizzazione familiare, ivi compresa l'eventuale presenza di collaboratori domestici della famiglia.

Queste le regole da seguire per aprire un bed&breakfast a Monza:

  • l'attività di B&B deve essere esercitata al numero civico di residenza anagrafica del titolare, ivi comprese le pertinenze
  • l'attività deve conservare la caratteristica dell'occasionalità: qualora l'attività venga svolta in forma non imprenditoriale, deve osservare un periodo di interruzione dell'attività non inferiore a novanta giorni anche non continuativi. Ogni periodo di interruzione dell'attività deve essere comunicato preventivamente alla Provincia di Monza.
  • all'esterno della residenza bisogna appendere l'apposito contrassegno identificativo (qui le regole per riprodurlo)
  • i locali destinati all'esercizio di B&B devono possedere i requisiti igienico-sanitari ed edilizi previsti per i locali di civile abitazione.
  • è necessario stipulare una polizza assicurativa per i rischi derivanti dalla responsabilità civile verso i clienti
  • bisoga esporre i prezzi massimi praticati nell'esercizio in modo ben visibile nei locali di ricevimento del pubblico (oltre che in lingua italiana, almeno in due lingue straniere)
  • gli arrivi e le presenze dei clienti devono essere comunicati esclusivamente tramite il Sistema di Gestione dei Dati Turistici della Regione Lombardia ai fini della rilevazione statistica con cadenza decadale e, comunque, entro i primi dieci giorni del mese successivo alla rilevazione

Aprire un bed&breakfast a Monza: i documenti da presentare

Per aprire un bed&breakfast a Monza è necessario presentare la SCIA in Comune. Non è infatti necessaria un'iscrizione nel registro delle imprese né l'apertura di una Partita IVA.

La SCIA è una segnalazione certificata d'inizio attività che sostituisce il rilascio di un'autorizzazione da parte della Pubblica Amministrazione: costituisce dunque un titolo necessario per intraprendere con decorrenza immediata l'esercizio dell'attività. La SCIA va presentaTA esclusivamente in modalità telematica allo sportello SUAP di piazza Trento e Trieste 1 (Tel. 03923721).

Bed&breakfast a Monza: la colazione

Per la preparazione della prima colazione è necessario che il titolare adempia agli obblighi previsti dal regolamento (CE) 852/2004 compresi il possesso dei relativi requisiti igienico sanitari, la formazione HACCP e la redazione di un piano di autocontrollo. All’atto di presentazione della SCIA, è inoltre necessario compilare la sezione relativa alle attività economiche in campo alimentare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se il titolare dell’attività di B&B ha ottemperato a quanto previsto anche i collaboratori che fanno parte dell’organizzazione familiare e gli eventuali collaboratori domestici, previa formazione HACCP, possono preparare la prima colazione. In caso contrario la somministrazione della prima colazione dovrà avvenire solo mediante messa a disposizione dell’ospite di alimenti preconfezionati o tramite convenzione con imprese alimentari registrate e con bevande calde e fredde servite in modalità self service.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • "Aiuto la mamma è in pericolo", bimbo di tre anni chiama i vicini e salva madre

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento