il popolo della famiglia di Monza e Brianza ricorda i 100 anni della fine della prima guerra mondiale

“Il 4 novembre è una data che unisce gli italiani”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Il prossimo 3 e 4 novembre sfilerà per le vie della nostra provincia la «Marcia della Vittoria» promossa dall’«UNUCI» («Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia») Monza e Brianza in collaborazione con il Consiglio provinciale di Monza e della Brianza di «Assoarma», la Provincia di Monza e Brianza e l’Ufficio Scolastico per la Lombardia di Monza e Brianza, nell’ambito del «Tavolo per il Centenario della Grande Guerra» della Prefettura di Monza e Brianza. Il programma prevede che 8 colonne d’onore si muovano autonomamente dai limiti esterni della provincia di Monza e Brianza fino al capoluogo, toccando tutti i comuni. Il Popolo della Famiglia di Monza e Brianza sarà presente con i propri rappresentanti alla partenza di alcune di queste colonne. "Il 4 novembre 1918" dichiara il co-coordinatore regionale della Lombardia Andrea Cavenaghi, che presenzierà alla partenza della colonna n. 6 ad Aicurzio "è la data che segna la nascita di un sentimento nazionale. La guerra combattuta in trincea unì il lombardo al siciliano, il veneto al calabrese, sancendo così l'appartenenza ad una stessa Patria, sentimento che il Risorgimento non era certamente riuscito a creare." "Celebrare il 4 novembre", continua Cavenaghi, "significa peraltro ricordare una vittoria e non una sconfitta come avviene in altre ricorrenze." "La prima guerra mondiale" prosegue Stefania Parma referente per la provincia di Monza "fu definita da Papa Benedetto XV "L'inutile strage", siamo certi che l'intento della Marcia per la Vittoria non sia quello di esaltare uno sterile nazionalismo, ma, oltre a quello di festeggiare il compimento dell'Unità d'Italia, anche quello di ricordare le migliaia di giovani che persero la vita in nome di un ideale" "Il 4 novembre" concludono Cavenaghi e Parma "è, inoltre, la Festa delle Forze Armate; vogliamo esprimere il ringraziamento del Popolo della Famiglia agli uomini e alle donne che con il loro impegno e sacrificio si spendono per la sicurezza della Patria. Un ringraziamento particolare ai militari italiani, ancor oggi impegnati in operazione di Peacekeeping e che con orgoglio portano in giro per il mondo il tricolore italiano"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento