Martedì, 19 Ottobre 2021
MonzaToday Lesmo / Via Stazione

Lega del Filo d'Oro: il centro socio sanitario residenziale di Lesmo

LESMO - «Un filo prezioso che unisce il sordocieco con il mondo esterno». Questo il sogno che ha ispirato il nome della Lega del Filo d'Oro: dal 1964 un punto di riferimento nell’ assistenza, riabilitazione e reinserimento delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Onlus nel 1998,  l’associazione, si avvale di personale qualificato e dell’impegno di circa 450 volontari. E’ presente in sette regioni (Osimo (AN), Lesmo (MB), Molfetta (BA), Termini Imerese (PA) - a breve anche Modena -  e nelle sedi territoriali di Roma e Napoli).

LA STORIA - Il Centro socio-sanitario residenziale di Lesmo (MB), avviato nel  2004, ospita 42 utenti a tempo pieno, offre servizi educativo-riabilitativi, sanitari e assistenziali a giovani e adulti sordociechi pluriminorati psicosensoriali. Per ogni ospite vengono formulati progetti riabilitativi personalizzati funzionali ad acquisire una maggiore autonomia e una migliore qualità di vita. Dal 2011 il Centro riunisce anche le attività dei  Servizi Territoriali che prima avevano sede a Milano e che sono rivolti ad utenti e loro famiglie della Lombardia e delle Regioni limitrofe

LEGGI: LA STORIA DI FRANCESCA E L'INCONTRO CON LAURA PAUSINI
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega del Filo d'Oro: il centro socio sanitario residenziale di Lesmo

MonzaToday è in caricamento