Made in Italy: in Lombardia 9 imprese tra le 50 pmi eccellenti

Sono 9 le imprese lombarde tra le PMI campioni di performance economica: Artemide, Boffi, Flexform, Gardani, Limonta, Minotti, Moleskine, Provasi e Sozzi Arredamenti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Lo rivela la ricerca "Il valore dei marchi delle 3F", promossa da LC Publishing Group e condotta su oltre 1100 aziende con fatturato tra 30 e 300 milioni di euro, che operano in settori in cui il brand riveste un ruolo prioritario.

Le imprese rivelatesi campioni di performance Artemide, Boffi, Flexform, Gardani, Limonta, Minotti, Moleskine, Provasi e Sozzi Arredamenti.

Milano 8 novembre 2016 - Sono 9 le imprese lombarde tra le PMI campioni di performance economica: Artemide, Boffi, Flexform, Gardani, Limonta, Minotti, Moleskine, Provasi e Sozzi Arredamenti

È quanto emerge dalla ricerca "Fashion, food e furniture - Il valore dei marchi delle 3F", promossa da LC Publishing Group realizzata da ICM Advisors, che fa emergere le aziende distintesi per eccellenza economica (crescita fatturato e redditività) e marketing ( forza e potenziale di sviluppo del brand). La "Top 50" è stata selezionata su un campione di 1100 aziende italiane con fatturato compreso tra i 30 e i 300 milioni di euro.

Con un fatturato pari a 4,4 miliardi di euro e brand per un valore complessivo pari a 1,6 miliardi, sono 50 le eccellenze del 2015 nei settori trainanti dell'economia italiana, fashion, food e forniture (3F) e sono state selezionate in quanto, oltre ad aver dato dimostrazione di essere in grado di eccellere, hanno le potenzialità per diventare protagoniste sul mercato. Non necessariamente "campioni affermati", ma anche "stelle nascenti" che stanno emergendo grazie a una grande attenzione alla gestione del brand.

In Lombardia l'eccellenza è rappresentata da 9 aziende che insieme hanno un fatturato pari a 662.9 milioni di euro e brand per un valore complessivo di 217 milioni di euro.

Rispetto all'edizione del 2015, l'andamento dei tre comparti evidenzia un miglioramento in termini di performance di crescita del giro d'affari e di redditività operativa del business, in particolare per il macro sistema arredo, che ha chiuso il 2015 con un fatturato pari a 18,1 miliardi, +2% rispetto all'anno precedente. Motore trainante dell'economia italiana rimane l'industria alimentare che, dopo un biennio stazionario, raggiunge un fatturato pari a 134 miliardi di euro, con un aumento dell'1,5% rispetto al 2015, e il sistema moda italiano con 52,6 miliardi di fatturato e una crescita dell'1,1%. La crescita del comparto fashion ha subito una leggera flessione rispetto a quella dell'anno precedente (+2.7%) da imputare alle turbolenze in termini di politica economica a livello internazionale che hanno avuto effetto sull'export.

I dati sottolineano quindi una tendenza di ripresa, lenta ma generalizzata, che sta cercando di consolidarsi nel Made in Italy.

"L'obiettivo della nostra ricerca è quello di analizzare le PMI del Made in Italy che abbiano un potenziale appeal presso grandi investitori nazionali e internazionali. - ha dichiarato Aldo Scaringella, CEO e fondatore di LC Publishing Group - da qui il titolo dell'evento, save the brand. La prima evidenza di questa ricerca è rivolta alle aziende stesse: il valore dei brand rappresenta un patrimonio aziendale molto rilevante sia dal punto di vista strategico sia finanziario. Infatti il brand rappresenta dal 50% al 70% del valore totale degli asset immateriali che per le aziende dei settori 3F è oltre il 40% del loro valore di mercato. Questo patrimonio di eccellenze è inoltre un valore strategico per il Paese - continua Scaringella - e va supportato strutturalmente. Come tutto il patrimonio di PMI italiane, le quali avrebbero bisogno di maggiore certezza del diritto, meno burocrazia e una politica fiscale e contributiva completamente diversa da quella attuale."

"Il contributo dei brand alla performance economico-finanziaria delle 50 aziende eccellenti viene confermata in modo netto dalle valutazioni da noi svolte - aggiunge Pier Angelo Biga, Managing Partner di ICM Advisors - la valutazione, soprattutto quella industriale, assume una grande importanza sia per gli investitori interessati al potenziale di sviluppo del brand sia per le aziende per individuare le migliori strategie business e di brand management. La valutazione è uno strumento basato su elementi oggettivi e misurabili che guida la finalizzazione degli investimenti e l'acquisizione di adeguate risorse finanziarie"

Lc Publishing Group e':

legalcommunity.it è il primo sistema d'informazione multimediale, interattiva e relazionale del mercato legale, che dal 2011 permette di entrare a far parte di una comunitàe di poter contribuire al dibattito all'interno del mondo legale italiano.

La famiglia si completa oggi con tre ulteriori testate:

financecommunity.it (2014), portale d'informazione dedicato agli attori del mondo della finanza e dell'economia, quali consulenti, banche e investitori, ma anche aziende e potenziali clienti;

inhousecommunity.it (2015), rivolto al mondo in house, quindi con notizie di attualità e di approfondimento dal punto di vista dei professionisti d'impresa, come direttori affari legali, responsabili delle risorse umane, marketing manager, direttori finanziari e top management.

foodcommunity.it (2016), ideato per raccontare, tramite notizie e approfondimenti di carattere finanziario e legale, lo scenario economico del mondo "food" e dei grandi Chef in Italia e all'estero.

ICM Advisors

ICM Advisors è la società di valutazione e servizi strategici di ICM International, gruppo internazionale di servizi professionali specializzati nella valutazione, valorizzazione e finanza dei beni immateriali. ICM Advisors è presente in Italia dal 2003 ed ha sviluppato oltre 300 valutazioni di asset immateriali nei settori tipici del Made In Italy (sistema moda, agro-alimentare, mobilidesign) e Industriali a base tecnologica (meccanica, meccatronica, elettronica, aerospaziale, smart energy, packaging). Ha inoltre sviluppato una rilevante attività di ricerca economico-finanziaria (oltre 80 ricerche) e di contributo allo sviluppo della consapevolezza del valore degli asset immateriali nei portatori di interesse dello sviluppo economico: Istituzioni Centrali e Locali,

Banche, Camere di Commercio, Associazioni Industriali, Università. ICM International opera con circa 150 professional in 7 uffici in Europa e con affiliati in USA e Far East.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento