Da Arcore a Parigi. Marta Bertani a caccia di idee per rivitalizzare il paesaggio urbano

L'architetto paesaggista è tra i 25 vincitori della XVII edizione del bando Progetto Professionalità della Fondazione Banca del Monte di Lombardia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Progetto Professionalità "Ivano Becchi" 2015/2016, iniziativa annuale promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lombardia per favorire la crescita professionale dei giovani lombardi, ha premiato anche la dottoressa Marta Bertani, classe 1979, di Arcore. Tra i 25 vincitori della XVII edizione, si è guadagnata la straordinaria opportunità di approfondire le sue competenze di architetto del paesaggio a Parigi, senza sostenere alcuna spesa.

Il suo desiderio è coltivare strategie per reintegrare le campagne nel contesto urbanizzato in cui viviamo. Andrà alla ricerca di suggerimenti presso l'atelier francese Coloco (Contemporary Landscape Creations), a fianco di Gilles Clement. Dal confronto con le eterogenee figure che fanno parte di questa frizzante realtà (dagli urbanisti agli artisti), si aspetta di elaborare una strategia operativa solida su cui fondare processi partecipativi di successo incentrati sul tema del paesaggio come ambiente di cui ciascuno può diventare autore. "Visto il crescente interesse per il tema del paesaggio come bene comune, per le pratiche di riuso, le esperienze di innovazione sociale e culturale e di rammendo delle periferie, un'esperienza professionale di tale importanza potrà certamente contribuire a posizionarmi meglio nel contesto lavorativo.", afferma la dottoressa Bertani, membro della Commissione del Paesaggio del Parco Agricolo Sud Milano.

Convinta della possibilità di ridare anima al territorio valorizzando gli elementi naturali, si impegna in prima persona per raggiungere questo scopo attraverso l'associazione "Terzo Paesaggio", di cui è cofondatore. In particolare, guida un progetto pilota dedicato al quartiere milanese di Chiaravalle, volto a rigenerare il territorio attorno alla storica abbazia. Nel suo curriculum, oltre alla sua attività autonoma di architetto del paesaggio e a un master in Progettazione, Restauro e Conservazione dei Parchi e dei Giardini Storici, ci sono anche la consulenza per la valorizzazione paesaggistica del giardino storico di Villa Arconati, nonché esperienze sul campo, come arboricoltore tree-climber, in collaborazione con Dendrotec srl e Baumpfleger a Colonia.

Progetto Professionalità permetterà a Marta di rientrare in Lombardia pronta ad irrorare il suo territorio di linfa creativa per valorizzare il paesaggio locale.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento