menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Neve in Brianza a Besana (Foto da Instagram@paolo_il_nuovo_silvi)

Neve in Brianza a Besana (Foto da Instagram@paolo_il_nuovo_silvi)

I primi fiocchi di neve imbiancano (qua e là) la Brianza giovedì mattina

La prima neve - attesa per venerdì - è arrivata. Alcuni comuni brianzoli si sono risvegliati sotto un debole manto bianco misto a pioggia

La neve giovedì mattina ha fatto capolino in Brianza. Un velo bianco di fiocchi misti ad acqua ha ricoperto i tetti e le auto in alcuni comuni della provincia da Busnago a Besana Brianza, passando per Brugherio (più pioggia che neve), fino a Briosco e Barzanò.

A Monza invece la neve sembra farsi attendere e i fiocchi non hanno ancora imbiancato il capoluogo brianzolo. Le previsioni del tempo avevano preventivato l'arrivo di due perturbazioni, con possibili nevcate tra giovedì 12 e venerdì 13 dicembre. 

Le previsioni del tempo: possibili nevicate a Monza

"La prima perturbazione ci raggiungerà nella notte tra mercoledì 11 e giovedì 12 dicembre 2019. Si attendono precipitazioni generalmente deboli, anche moderate nei settori centro-meridionali, verosimilmente più coinvolti (in particolare l’Oltrepò, con estensione verso il Lodigiano e la Bergamasca). Sul Pavese ed in Emilia è possibile che possa nevicare fino a quote prossime alla pianura, tuttavia con accumuli al suolo a forte prevalenza altimetrica, dunque apprezzabili a partire dalla fascia pedecollinare appenninica a salire (da una spolverata fino a 10/15cm in Alto Oltrepò). Parimenti, una spolverata di neve è possibile in fascia alpina e prealpina fino a quote prossime ai fondovalle (forse qualcosina in più in basse Orobie, fino alle porte di Bergamo). Parliamo tuttavia di quantitativi coreografici o poco più, con difficoltà di accumulo sotto i 3-400m di quota", spiega il Centro Meteo Lombardo.

"La seconda perturbazione è attesa venerdì 13 in giornata. Attenzione perché la dinamica è abbastanza particolare, per certi versi inusuale per il periodo. Agli effetti accadrà questo: una profonda circolazione depressionaria, attiva sulle Isole Britanniche, sarà letteralmente “strappata” nella sua porzione meridionale dal poderoso rinforzo della corrente a getto proveniente dal Canada - continua il Centro meteo -. Ciò determinerà una temporanea transizione e concentrazione delle precipitazioni a ridosso dei versanti esteri delle Alpi Occidentali, che opporranno strenua resistenza in virtù dei loro 4km e passa di rilievi. Purtuttavia, la fase più strutturata dell’impulso occidentale che supera tale quota non avrà problemi a scivolare a levante (a occhio nel primo pomeriggio di venerdì), determinando una (breve) finestra di precipitazioni da sfondamento. In questo frangente è ipotizzabile la caduta di neve (o pioggia mista a neve) fino a bassa quota su tutti i settori, seppur senza accumuli in pianura. Puntualizziamo nuovamente che si tratta di quantitativi modesti, come sempre accade quando l’ondulazione perturbata non affonda nel Mediterraneo e quindi non riesce ad attivare correnti dai quadranti meridionali, le uniche in grado di veicolare precipitazioni significative da scorrimento in sede padana".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    "Tesoro ritorna!" Una dichiarazione d'amore appesa sul palo della luce

  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

  • social

    Festa del Gatto, dove adottare un felino a Monza

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento