Abolizione Province: riunione in Brianza, comunicato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

La Provincia chiama la Brianza a raccolta

mercoledì 5 settembre un incontro allargato

per discutere i possibili scenari circa il riordino degli Enti

 

 

Monza, 31 agosto 2012. In vista delle prossime scadenze istituzionali per il riordino delle Province, voluto dal Governo, il Presidente Allevi chiama la Brianza a raccolta, con l’obiettivo di elaborare una proposta condivisa da presentare all’UPL – Unione Province Lombarde - e successivamente al CAL, l’organo preposto ad esaminare le possibili suddivisioni del territorio regionale.

“Intendo far arrivare a Milano prima e a Roma poi la voce della Brianza  - spiega il Presidente Dario AlleviQuella che ha fortemente voluto questa Provincia e che non intende rinunciare all’autonomia conquistata. Faremo un approfondimento serio per valutare le soluzioni migliori”.

L’incontro è previsto presso la sede della Provincia mercoledì alle ore 17.00. Invitati il Prefetto Giovanna Vilasi, gli 11 Parlamentari della Brianza, il Sindaco di Monza Roberto Scanagatti, il Presidente dell’Assemblea Sindaci ASL Giacinto Mariani, i Consiglieri Regionali, gli Assessori e i Consiglieri Provinciali.

E poi: il Presidente della Camera di Commercio MB Carlo Edoardo Valli, il Presidente di  Confindustria MB Renato Cerioli, il Presidente di APA Confartigianato Giovanni Barzaghi, il Presidente dell’Unione Artigiani Walter Mariani, il Presidente dell’Unione Commercianti Giuseppe Meregalli, il Presidente di Confcooperative MB Roberto D’Alessio, il Presidente della Compagnia delle Opere MB Pietro Paraboni, il Presidente della Fondazione Comunità MB Giuseppe Fontana ed i Segretari Provinciali delle Organizzazioni Sindacali CGIL, CISL, UIL.

Inoltre per venerdì 7 settembre il Presidente ha convocato per le 17.00 l’Assemblea dei  55 Sindaci della Brianza: all’ordine del giorno, oltre alla nomina del nuovo Presidente, la valutazione degli effetti del D.L. 95/12 convertito nella Legge 7/8/2012  che prevede il riordino delle Province salvando solo gli Enti sopra i 350mila abitanti e i 2.500 Kmq.

 

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento