menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dario Allevi e Andrea Monti

Dario Allevi e Andrea Monti

La scure sulle province: Monza con Milano o con Como e Lecco?

Il destino sembra segnato: troppo piccola l'estensione di MB per salvarsi secondo i parametri di Monti. Ma sulle province la cronaca insegna: mai dire mai

Il governo non ha ancora fissato ufficialmente i criteri per stabilire quali province verranno cancellate. E' comunque già noto l'obiettivo: circa il 50% deve essere tagliato. E anche, in linea di massima, le caratteristiche che le province devono rispettare per "salvarsi": contare almeno 350mila abitanti ed estendersi su almeno 3mila kmq. Fatti salvi i capoluoghi di regione.

Con questi criteri, però, in Lombardia si salvano solo Milano e Brescia. Milano perché capoluogo regionale (diventerà, peraltro, Città metropolitana), Brescia perché, tra le due province lombarde che si estendono su almeno 3mila kmq (l'altra è Sondrio), è l'unica a rispettare anche il parametro degli abitanti.

La "soluzione" per la Brianza passa dunque attraverso una scelta complessa. Le alternative sono due: riunificarsi a Milano oppure formare una maxi-provincia del Nord Milano, magari insieme a Lecco e Como: quest'ultima soluzione non basterebbe a raggiungere 3mila kmq, ma forse per le riunificazioni non ci sarà un limite minimo.

Nel resto della regione le soluzioni sono forse più prevedibili: Varese si unirebbe a Milano, Pavia a Lodi, Sondrio e Bergamo a Brescia, Cremona a Mantova. E non è finita, perché il governo ha intenzione comunque di limitare le competenze: alle province rimarrebbero ambiente (soprattutto per il settore discariche), trasporti e viabilità (anche per quanto attiene la costruzione, la classificazione e la gestione delle strade). Il resto passerebbe ai comuni.

Tuttavia i parametri devono ancora essere messi nero su bianco. E c'è da immaginarsi una "levata di scudi" dei parlamentari a difesa delle province, che ancora vengono spesso viste come custodi dell'autonomia locale: del resto la loro storia è pari a quella nazionale, mentre le regioni sono di istituzione molto più recente. Non è un caso che tutti i tentativi finora intrapresi per sforbiciarne il numero abbiano portato a zero risultati. Monti riuscirà dove altri hanno fallito? O le resistenze saranno ancora più forti?

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento