Politica

L'appello di Allevi al neo-ministro Boschi contro l'abolizione delle Province

“La riforma delle Province la vogliamo anche noi la vogliamo seria, efficace e in grado di definire una volta per tutte ruoli e competenze precise per questi Enti"

“Ci sono ancora margini per tornare indietro, per non immolare le Province sull’altare della demagogia, salvandole da un provvedimento frettoloso e sbagliato, che non solo ‘non le abolisce’ ma ne aumenta i costi di gestione”.

Si apre così l’appello del Presidente della Provincia di Monza e Brianza, Dario Allevi, al neo ministro per le Riforme Istituzionali, Maria Elena Boschi.

Con il nuovo governo Renzi la questione dal ministro Delrio è passata di competenza ma la battaglia contro il ddl per l’abolizione delle Province, nelle prossime settimane al vaglio del Senato, ha solo cambiato referente.

“In tutta Italia – spiega Allevi – il commissariamento forzato delle Province si sta rivelando illegittimo: mi rendo conto che serve un atto di coraggio per proporre uno stop al DDL Delrio ma è l’unica via per ridefinire in un disegno di riforma complessiva il ruolo degli Enti intermedi. Mi auguro che il nuovo Ministro voglia approfondire anche i dati circa il reale peso delle Province sulla finanza pubblica, per un’operazione verità che restituisca dignità a questi Enti”.

Contro il ddl Delrio negli ultimi mesi si sono espressi la Corte dei Conti, la Ragioneria dello Stato e studi indipendenti svolti dal CENSIS e da diversi atenei, compresa l’Università Bocconi.

Secondo questi pareri i costi delle Province sulla spesa pubblica sarebbero pari all’1,23%.

“La riforma delle Province la vogliamo anche noi la vogliamo seria, efficace e in grado di definire una volta per tutte ruoli e competenze precise per questi Enti, anello indispensabile della catena istituzionale nel coordinamento dei Comuni” ha poi concluso Allevi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'appello di Allevi al neo-ministro Boschi contro l'abolizione delle Province

MonzaToday è in caricamento