Venerdì, 22 Ottobre 2021
Politica

Autodromo, c'è ancora speranza per la defiscalizzazione: spunta di nuovo un emendamento

In discussione nelle commissioni Affari costituzionali e Bilancio alla Camera gli emendamenti al decreto Milleproroghe per cui il relatore Maino Marchi ha presentato anche la defiscalizzazione

La speranza è sempre l'ultima a morire.

Per l'Autodromo e le prospettive di Regione Lombardia per entrare a far parte dell'assetto societario del Consorzio del Parco di Monza i giochi non si sono ancora chiusi.

Colpo di scena dopo il pressing del Presidente Roberto Maroni a Monza, lunedì sera, sul ministro del Lavoro Giuliano Poletti è stata la discussione dell'emendamento all'interno del decreto Milleproroghe al vaglio delle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera.

L'emendamento al testo è stato avanzato dal relatore di maggioranza Maino Marchi del Pd, dopo l'attenzione già riservata dal leghista Paolo Grimoldi alla manovra fiscale che avrebbe consentito a Regione Lombardia di diventare proprietaria del comparto senza pagare 20 milioni di euro di tasse che invece avrebbe garantito come investimenti per il futuro del circuito.

“La Lega Nord si è sempre battuta in prima linea per la difesa del Gran Premio di Monza che costituisce un patrimonio irrinunciabile, stante un brand del valore di 4 miliardi di euro e un indotto sul territorio brianzolo pari a 31 milioni. Oggi ne abbiamo l’ennesima dimostrazione. Attendiamo quanto promesso, che peraltro sarebbe una goccia nell’oceano se limitato alla sola defiscalizzazione del contributo Regionale. Che Regione Lombardia debba domandare a Roma il permesso per poter aiutare la Brianza senza pagarle il solito balzello è una triste realtà che solo la Lega cerca di cambiare” ha commentato il Segretario Provinciale della Lega Nord, Alberto Rivolta.

Soddisfatto e critico nei confronti della titubanza del governo si è mostrato anche il segretario cittadino del Carroccio Federico Arena: "L’accoglimento della nostra proposta offrirà un futuro all’autodromo ma anche e soprattutto al nostro territorio e alle aziende che beneficiano dell’indotto creato da questa struttura unica al mondo. Il solo Comune di Monza versa allo Stato italiano 620 milioni di euro di IRPEF ogni anno; in trasferimenti diretti ne ha ricevuti meno di 4 milioni (dato 2013): sarebbe stato davvero paradossale se – anche questa volta – lo Stato si fosse accanito nei confronti di una delle aree più produttive ma anche più vessate del paese". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autodromo, c'è ancora speranza per la defiscalizzazione: spunta di nuovo un emendamento

MonzaToday è in caricamento