"La storia progredisce e sta coprendo di ridicolo chi ancora predica odio e discriminazione"

La replica del consigliere comunale di Sel Alessandro Gerosa dopo che Forza Nuova ha affisso fuori dalle scuole cartelli in difesa della famiglia

Cartelli affissi fuori dalle scuole per sollecitare i genitori a segnalare eventuali iniziative negli istituti cittadini in tema di educazione sessuale e teoria gender.

Prezioso baluardo da difendere in nome della famiglia naturale e contro l’omosessualità per Forza Nuova sono le scuole e il primo atto di una battaglia di idee l’hanno combattuto cercando di coinvolgere e sensibilizzare i genitori.

Dopo che nella notte tra mercoledì e giovedì sulle facciate di diverse scuole monzesi sono stati affissi i cartelloni che puntano il dito contro la “facilità allarmante con cui vengono accettati, autorizzati ed imposti seminari, interventi o proposte (dis)educative legate alla propaganda ed assimilazione fin dai primi anni di scolarità della teoria “gender” e dell’omosessualismo” a replicare ci ha provato il consigliere monzese di Sel, Alessandro Gerosa, firmatario della mozione che ha portato all’approvazione del progetto Rainbow in consiglio comunale.

“Forza Nuova deve essere davvero in crisi di consensi se è costretta a cercare di terrorizzare i genitori fuori dalle scuole, convincendoli che qualcuno vuole "omosessualizzare" (che paura!) i loro figli” ha replicato Gerosa che già in passato si era visto costretto a difendere contro la Lega la bontà dell’iniziativa pensata per l’educazione sessuale nelle scuole che punta ad allontanare discriminazioni e pregiudizi tra i più piccoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“I veri terrorizzati sono loro, consapevoli che la storia progredisce e sta coprendo di ridicolo chi ancora predica odio e discriminazione contro chi è reo solamente di amare. Si rassegnino: i cittadini monzesi hanno già scelto da che parte stare, non sarà certo del terrorismo psicologico di bassa Lega a cambiare le loro sorti” ha concluso, replicando per MonzaToday, Alessandro Gerosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento