Le centrali idroelettriche sul fiume Adda diventano della Regione Lombardia

Soddisfatto il consigliere Corbeetta (Lega): "Risorse e benefici in Brianza da Centrali sul fiume Adda"

Centrale idroelettrica

"Grazie al Decreto Semplificazione le Centrali Idroelettriche passano finalmente dalle mani dello Stato a quelle delle Regioni. Una svolta federalista voluta dalla Lega che porterà risorse e benefici al territorio lombardo, non solo nell’arco alpino, ma anche in Brianza grazie alla presenza delle centrali idroelettriche lungo il fiume Adda". Così Alessandro Corbetta, consigliere regionale della Lega, interviene a seguito dell’approvazione in via definitiva alla Camera del Decreto Semplificazione.

"Penso ad esempio alle Centrali Bertini ed Esterle situate a Porto d’Adda, frazione di Cornate e alle positive ricadute che potrà avere questo territorio grazie al rinnovo delle attuali concessioni, come il fatto di poter disporre di energia gratuita o a costi notevolmente inferiori a quelli attuali".

Tra le centrali elettriche sull'Adda, oltre alla Esterle e alla Bertini di Cornate (Mb), vi sono la Semenza di Robbiate (Lc) e la centrale a Concesa, frazione di Vaprio d'Adda (Mi). Tutte vengono gestite in proroga da Edison, in quanto le concessioni sono scadute ufficialmente tra il 2010 (Concesa) e il  2012 (Esterle, Bertini e Semenza).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre – prosegue il consigliere regionale del Carroccio – le risorse economiche che deriveranno dal rinnovo delle concessioni delle due centrali di Cornate potranno essere utilizzate ad esempio per riqualificare il Naviglio leonardesco tra Paderno e Cornate d’Adda e l'intera area che è un gioiello da valorizzare sotto il profilo turistico e ambientale. Un’opera estremamente importante per il rilancio del territorio ma anche per la riattivazione dell’intero sistema dei navigli, sia sotto il profilo della navigabilità che da quello storico-culturale. Nei prossimi mesi - conclude Corbetta - arriverà l'esito dello studio di fattibilità per la riqualificazione del naviglio tra Paderno e Cornate che Regione Lombardia, grazie a un mio emendamento, ha commissionato al Consorzio di Bonifica Est Ticino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento