Domenica, 24 Ottobre 2021
Politica Regina Pacis / Via Premuda, 17

Soddisfazione della Cgil di Monza e Brianza dopo la manifestazione di Roma

Parole positive del segretario della Cgil del territorio, Maurizio Laini, per la manifestazione del 25 ottobre. Forte presa di posizione del sindacato contro i tagli ai patronati previsti dalla legge di Stabilità

"Desidero subito esprimervi la nostra più profonda soddisfazione sia per le dimensioni e la qualità del messaggio politico lanciato al Paese in questa non semplice circostanza, sia per lo straordinario e visibilissimo contributo che lavoratori, pensionati, giovani, migranti, cittadini e apparato di Monza e Brianza hanno portato a Roma dentro il corteo".

E' con queste parole che il segretario della Cgil di Monza e Brianza, Maurizio Laini, ha commentato l'entusiasta adesione del territorio alla manifestazione del 25 ottobre a Roma. 

"Su questa manifestazione si sono scaricati diversi problemi: dal morso della crisi con la sofferenza occupazionale conseguente e il rischio di frustrazione dei lavoratori, all’allentamento della relazione tra questi e il loro Sindacato, la CGIL; dalla diaspora della politica a sinistra ai messaggi trancianti sulle operazioni che il Governo – con grande efficacia mediatica – ha scaricato sul mondo del lavoro e sulle sue rappresentanze" ha spiegato ancora Laini, soddisfatto per la capacità con cui il patronato ha saputo organizzare e guidare la protesta.

Ma le sfide da affrontare e le battaglie a cui andare incontro sono ancora molte, prima tra tutte quella contro la Legge di Stabilità che, spiegano dal sindacato, se non verrà modificata entro il 2015, condannerà a morte i patronati o li costringerà a un radicale ridimensionamento. 

"Se verrà confermato il taglio, i Patronati rischiano seriamente di chiudere oppure di far pagare ai cittadini pratiche e servizi finora gratuite" rende noto un comunicato della Cgil che analizza nel dettaglio la manovra di bilancio che prevede per il 2015 un taglio dl 35% del Fondo dei Patronati e dimezza (dall’80 al 45%) gli anticipi che dallo Stato vengono versati ai Patronati sulle somme spettanti.

Per ribadire la propria presa di posizione contro i tagli la Cgil di Monza e Brianza ha inviato una lettera ai parlamentari, ai consiglieri regionali, ai sindaci di Monza e Brianza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soddisfazione della Cgil di Monza e Brianza dopo la manifestazione di Roma

MonzaToday è in caricamento