Monza, Rimborsi Pd in Regione: tra gli indagati anche Pippo Civati

Sotto la lente della guardia di Finanza anche le spese del consigliere monzese: per lui un invito a comparire nell'ambito dell'inchiesta sulle "spese pazze" al Pirellone. Lui: "Fiducioso nel lavoro dei magistrati"

MONZA - Scandalo rimborsi in Lombardia,  indagato anche Giuseppe Civati.  L'annuncio lo ha dato lui stesso nel pomeriggio di mercoledì con un post sul suo blog. Al consigliere regionale ora candidato alla Camera dei Deputati con il Partito democratico sono contestate spese per 3.145 euro: per lui un invito a comparire nell'ambito dell'inchiesta sui presunti rimborsi sospetti della Procura di Milano. Tra le spese sotto la lente di ingrandimento, ci sono corse in taxi, posteggi, biglietti ferroviari.

LA DIFESA - "Sono fiducioso nel lavoro dei magistrati"  spiega Civati, che scrive tra l'altro: "Qualcuno mi chiede di querelare e di rispondere per le rime (alla prima pagina di Libero di oggi, ndr), ma la migliore risposta, in politica, non è lo specchio riflesso o la reazione piccata: la migliore risposta è la spiegazione. A questa mi affiderò, come sempre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

Torna su
MonzaToday è in caricamento