Verso il Congresso Pd, in Brianza Renzi il favorito

35,7% per il sindaco di Firenze, segue con il 33,3% dei voti Cuperlo e nella città dove ha iniziato la sua carriera politica è premiato anche Civati, con il 29,8% delle preferenza

Sono stati in 1670 a recarsi nei circoli Pd a votare nella provincia di Monza e Brianza tra venerdì e domenica per dare la propria preferenza al candidato alla Segreteria Nazionale del Partito Democratico che sarà nominato l’8 dicembre.

Un’affluenza notevole che ha portato alle urne più della metà dei 2714 iscritti al Partito Democratico della Brianza.

Tra i quattro candidati in lizza, Matteo Renzi (35,7%) e Gianni Cuperlo (33,3%) si contendono la vittoria, in linea con i dati che si registrano nel resto del Paese.

Ma una sorpresa rispetto all’andamento dei risultati nazionali c’è: Monza premia anche Pippo Civati, che proprio qui ha iniziato la sua carriera politica, con il il 29,8% dei voti, un risultato tre volte più alto della media del resto d’Italia.

 A commentare il risultato di questo primo spoglio è il neo-eletto segretario provinciale del Pd di Monza e Brianza, Pietro Virtuani, che ha dichiarato: “Sebbene la Convenzione sia un momento di passaggio tra i congressi locali e le primarie nazionali, i militanti del PD hanno voluto esserci per dire cosa pensano della situazione nazionale e delle idee di Partito e di paese che i quattro candidati hanno messo in campo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento