Politica

La Lombardia ha una nuova "consigliera di parità"

Si è insediata al Pirellone Anna Maria Gandolfi

Obiettivo: effettuare "azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro". Si è insediata martedì in regione la nuova consigliera di parità della Lombardia, Anna Maria Gandolfi. Il suo compito, hanno spiegato dal Pirellone, sarà, anche attraverso evoluzioni di carattere normativo, affermare il principio delle "pari opportunità tra uomo e donna".

"Un momento particolarmente importante per il ruolo e i compiti che questa figura ricopre", ha sottolineato il presidente regionale, Attilio Fontana. "Ringrazio Carolina Pellegrini che l'ha preceduta svolgendo un ottimo lavoro - ha proseguito il governatore - e indirizzo alla dottoressa Gandolfi un sincero augurio di buon lavoro nella certezza che saprà interpretare questo incarico". "Conciliazione dei tempi tra famiglia e lavoro sono un tema centrale delle tematiche che dovrà affrontare la dottoressa Gandolfi e sono sicura che, come il suo predecessore Carolina Pellegrini, sarà un punto di riferimento concreto e operativo per tutte le donne della Lombardia", ha assicurato l'assessore regionale alla formazione e lavoro, Melania Rizzoli, cui la figura della consigliera di parità fa riferimento.

Laureata in lingue e letterature moderne straniere, insegnante e poi imprenditrice, già consigliera di parità della provincia di Brescia e presidente del comitato imprenditoria femminile della Ccia di Brescia, Anna Maria Gandolfi ha voluto sottolineare come "il dialogo e il confronto saranno gli strumenti centrali per affrontare e cercare di risolvere le criticità che le verranno sottoposte".

"Utilizzerò la stessa attenzione e la stessa sensibilità - ha concluso - che il presidente Fontana usa per le fasce più deboli sicura di poter contare sul supporto di tutti coloro che lavorano per evitare ingiustizie o soprusi".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lombardia ha una nuova "consigliera di parità"
MonzaToday è in caricamento