Vincenzo Bella, il ciellino doc che ha detto no a Roberto Formigoni

Nel corso della convention all'Hotel Michelangelo a Milano nel quale il celeste ha riallineato i suoi fedelissimi, ha avuto il coraggio di alzarsi in piedi. E ha esternato il suo totale dissenso di fronte all'ennesima giravolta dell'ex governatore

DESIO – «Io non ci sto». E’ stato l’unico a dire no il vicesindaco di Desio, Vincenzo Bella. Ciellino, una vita politica spesa in Forza Italia e poi nel Pdl, assessore e vicesindaco in giunte targate centrodestra, è riuscito a seguire Roberto Formigoni fino a quando il Celeste si è schierato con Albertini. Ma quando l’ex governatore ha deciso di sostenere il nemico di sempre – la Lega Nord – e di tornare sotto l’ala del Cavaliere, ha deciso di dire basta.

Nel corso della convention all’Hotel Michelangelo a Milano nel quale Formigoni ha riallineato i suoi fedelissimi, Vincenzo Bella si è alzato  in piedi. E - senza troppi giri di parole – ha esternato il suo totale dissenso di fronte all’ennesima giravolta di Formigoni.

«C’è un limite a tutto – ha confessato Bella – e questa volta proprio non ci riesco. Io nel Pdl mi sento stretto da tempo. Ogni volta ho sperato che qualcosa sarebbe cambiato, avevo creduto anche in questo ultimo progetto. E qui mi fermo».

Bella dunque resterà con Mario Monti e – insieme a Mario Mauro – sosterrà alla corsa per la Regione Lombardia Gabriele Albertini. Uno strappo che gli pesa: «Conosco Formigoni da trent’anni e lo stimo. Ma io non posso passare per berlusconiano. Non posso essere uno di quelli che si fa ammaliare quando il cavaliere va in Tv. Io non c’entro niente con quella cultura e con quello stile e adesso devo proprio dirlo».

Ci ha sperato fino all’ultimo, nel Pdl, Vincenzo Bella: «Ho sperato in Alfano, ho atteso che si puntasse a una rappresentanza eletta dalla base. Poi è arrivato il progetto di Albertini, ho firmato, insieme ad alcuni amici, per la sua candidatura convinto che, anche a costo di perdere, da qui si poteva ripartire per inventare qualcosa di più presentabile» . Poi Formigoni ci ha ripensato ancora. Ma stavolta, Bella non ci sarà più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una presa di posizione simile, Vincenzo Bella, l’aveva presa quando era stata eletta l’ultima giunta di centrodestra a Desio. Fu il solo ad alzarsi in piedi, in consiglio comunale. E a contestare l’attuale leadership che a quei tempi sembrava intoccabile. Un duro attacco a Massimo Ponzoni e a Rosario Perri e al modo di fare politica del centrodestra a Desio. Nessuno lo ascoltò. Magari, se qualcuno gli avesse dato retta, le cose sarebbero andate diversamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento