"Offelee, fa el tò mestee", bagarre in consiglio comunale sul Teatro Manzoni

Sono stati tanti i pareri contrastanti lunedì sera in aula a Monza durante la discussione sulla delibera per la concessione in gestione del Teatro Manzoni alla scuola Paolo Borsa

La consigliera di Forza Italia Martina Sassoli in consiglio comunale lunedì sera

I toni del dibattito in consiglio comunale lunedì sera si sono accesi e anche molto. All'ordine del giorno, in diretta continuazione con quanto emerso nella seduta di giovedì scorso, c'era la discussione della delibera della concessione della gestione del Teatro Manzoni alla scuola civica Paolo Borsa per un periodo di cinque anni con decorrenza a partire dal 1 agosto 2014 fino al 31 luglio del 2019.

A puntare il dito contro quello che ha definito un "business plan" inesistente ci aveva già pensato giovedì la consigliera Martina Sassoli, mettendo in evidenza come nel documento economico fornito dall'amministrazione non fossero presenti significative variazioni tra i margini di spesa e guadagno, tali da far notare una crescita in termini di investimento e di resa del progetto. Insomma senza mezzi termini "Un business plan che farebbe impallidire anche un ragazzino al primo anno di ragioneria", come lo ha definito la Sassoli in aula.

Esordendo con il dialetto "Offelee, fa el mestee" la consigliera di Forza Italia ha passato in rassegna una dopo l'altra le falle che a suo parere sono presenti nella delibera e ha chiuso con una forte presa di posizione in cui ha ribadito, alla luce del dibattito ideologico emerso, di non condividere la ratio con cui è stata costruita la delibera.

Critico è stato anche l'intervento della consigliera Anna Martinetti di "Una Monza per tutti" che ha paventato il rischio che "la scuola Borsa venga usata come un contenitore per risolvere dal punto di vista economico il problema del Manzoni affidandogli un compito e obiettivi che si sa già in partenza che dovrà far gestire ad altri". 

A mediare invece ci ha pensato il consigliere Gianmarco Novi, del Movimento Cinque Stelle, che ha visto nella delibera lo sforzo dell'amministrazione comunale a mantenere pubblico un bene come il Teatro Manzoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento