Ebola, a Monza un incontro informativo organizzato dall'Asl

Presenti giovedì sera al Binario 7 l'assessore regionale alla Sanità Mantovani, il Presidente della Provincia Mb Gigi Ponti, il sindaco di Monza

La foto postata dal consigliere regionale Massimiliano Romeo

Giovedì 30 ottobre a Monza al Binario 7 si è tenuto un incontro informativo per il personale sanitario del territorio sul virus ebola.

Alla presenza dell'Assessore alla Salute della Regione Mario Mantovani, del Prefetto di Monza e Brianza, Giovanna Vilasi, del Presidente della Provincia Gigi Ponti e di Roberto Scanagatti, Sindaco di Monza e Presidente ANCI Lombardia si è svolto l'incontro "Ebola: sorveglianza attiva" con la finalità di illustrare le azioni messe in atto sul territorio per garantire la prevenzione, la sorveglianza e il controllo della malattia sulla base delle nuove indicazioni ministeriali e regionali, che tengono conto dell’evoluzione del quadro epidemiologico.

“Regione Lombardia è a disposizione con tutti i mezzi necessari in caso di una evenienza straordinaria per quanto riguarda il virus Ebola. È tutto sotto controllo. Non ci sono particolari urgenze, se non un'attenzione maggiore. In ogni caso, per quanto riguarda Regione Lombardia, è pronta la rete ospedaliera, l'ospedale Sacco, i mezzi di trasporto straordinari, i medici per l'eventuale paziente. Siamo pronti su tutti i fronti e abbiamo la sicurezza e la tranquillità di sapere che la sanità in Lombardia è comunque sempre all'altezza del compito" ha rassicurato l'assessore regionale Mantovani in apertura ai lavori. 

I professionisti intervenuti tra cui Matteo Stocco, Direttore Generale ASL Provincia di Monza e della Brianza, e Andrea Gori, Professore straordinario Università degli Studi di Milano Bicocca, Direttore Clinica Malattie Infettive AO S. Gerardo, hanno approfondito diversi aspetti della malattia dal punto di vista dell'epidemiologia e dei protocolli per la gestione dei casi sospetti alle misure di sorveglianza sui contatti. Tra i temi affrontati durante il meeting informativo è stato dato spazio anche alle misure per la sorveglianza sanitaria dei viaggiatori e dei profughi ospitati nel territorio dell’ASL.

A questo riguardo l'assessore Mantovani è voluto intervenire per rassicurare l'opinione pubblica sul pericolo di contagio legato all'arrivo dei profughi: “Riguardo ai timori espressi da alcuni cittadini per la presenza di profughi in Lombardia, sottolineo che si tratta di preoccupazioni comprensibili, ma assicuro che tramite le Asl, sono attive misure di prevenzione nei confronti delle persone temporaneamente alloggiate sul territorio lombardo, secondo le indicazioni ministeriali".

L'ASL infatti in questi mesi ha tenuto costantemente aggiornati i professionisti sanitari sugli sviluppi del quadro epidemiologico della diffusione del virus Ebola e sugli strumenti utili al contenimento della diffusione della malattia. Sono stati attivati tavoli tecnici con le Aziende Ospedaliere del territorio per il rafforzamento della rete e la definizione di protocolli di intervento congiunto. A tutti i professionisti sanitari del territorio verranno diffuse le specifiche istruzioni operative, concordate e messe in atto con tutti gli attori della rete interessati, atte a garantire la sorveglianza attiva dei viaggiatori in aree a rischio e la gestione dei casi sospetti. LASL inoltre ha proseguito l'attività di sorveglianza sindromica dei migranti, con particolare attenzione ai soggetti provenienti dalle aree a rischio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Concorso di Natale Esselunga: in palio 104mila spumanti e 156mila buoni spesa

Torna su
MonzaToday è in caricamento