Monza, centrodestra diviso? Si lavora a un accordo

La città al centro di una partita nazionale. Mariani spinge per il si, oggi si è parlato della possibilità di correre assieme al Pdl. Ma nessuno ha intenzione di scoprire le carte

Neanche la giornata di oggi ha messo fine all'incertezza che regna sul centrodestra monzese.  La scadenza delle urne si avvicina, ma ad un mese e mezzo dal voto non c'è ancora un candidato comune per Pdl e Lega.  Certo, c'è il sindaco uscente Marco Mariani: ma, allo stato, correrà da solo. E se è abbastanza chiaro a tutti che divisi si perde,  anche uniti si rischia grosso, soprattutto dopo la debacle sul Pgt di domenica 18 marzo.  I lumbard si tengono ancora le mani libere. " A Monza corriamo da soli come dappertutto - ripete Massimiliano Romeo, consigliere regionale della Lega - ma se Bossi vuole  può decidere di fare eccezioni". In realtà, in giornata sono già circolate voci su un'accordo possibile tra camicie verdi e azzurri, magari con una lista civica che raccolga i secondi. "Non escludiamo la possibilità - afferma  Romeo in proposito - ma c'è ancora qualche giorno. Tutto può succedere".


Quel che è certo è che Monza si trova al centro di una partita nazionale, e che i fattori chiave non sono legati solo al territorio. Dove, per inciso, il sindaco Marco Mariani vorrebbe rinnovare l'accordo col partito di Berlusconi e il Pdl non disdegnerebbe.  Ma  un giro di giostra divisi per contarsi in vista delle politiche 2013 appare un'ipotesi sempre più gradita in via Bellerio, sede milanese della Lega.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento