Firme false: si candida con FLI, rischia di correre con i Pirati

E' accaduto a Simona Amore, 28enne finiana in corsa nel collegio Lombardia 1. La sua candidatura da aspirante parlamentare è stata accettata: ma per un altro partito

MONZA - Candidata per Futuro e Libertà, si ritrova nella lista dei Pirati, lista "tarocca" che gioca sulla somiglianza con il Partito Pirata. O di chi vorrebbe spacciarsi per tale.  E' la paradossale vicenda capitata a Simona Amore. Giovane - 28 anni -, una passione per la  politica che l'ha indotta a candidarsi alla Camera con Gianfranco Fini nel collegio Lombardia 1 (Milano e Monza).

I CANDIDATI DI FLI ALLA CAMERA  (COLLEGIO LOMBARDIA 1)

LA SORPRESA  - Immaginarsi la sua sorpresa quando un altro candidato l'ha avvisata che si, la candidatura era valida, c'era un problema: il suo nome risultava in lista, ma con i Pirati. In realtà, il Partito Pirata è un movimento politico internazione diffuso in numerosi paesi. Tra i punti programmatici, un rafforzamento dei diritti civili, la protezione dei dati personali, maggiori istituti di democrazia liquida, e la riforma del diritto d'autore e dei brevetti. Non proprio i capisaldi del programma di Fini. Ma in realtà, a quanto sembra, neanche  quelli del vero Partito pirata, che ha precisato in una nota di non avere niente a che fare con la lista in questione. "La formazione politica in questione facente capo a Marco Manuel Marsili usa abusivamente ed illegalmente il nome di Partito Pirata Italiano così come stabilito da un'ordinanza del Tribunale di Milano" - recita il comunicato. I taroccatori, prosegue il testo, "sono stati inibiiti dall'uso di nome e signet per impedire il perpetuarsi della 'lesione del diritto al nome, all'immagine ed all'identità personale dell'associazione' Partito Pirata Italiano"

QUESTIONE DI TEMPI - La giovane militante non ne sapeva niente. "Ma la lista dei sedicenti Pirati è stata presentata prima di quella di Fli, per cui all'improvviso mi sono trovata candidata nella prima e non nella seconda" spiega la Amore, la cui documentazione a corredo della candidatura era formalmente completa. "Peccato che la mi a firma fosse falsa".

INCERTEZZA FINO ALL'ULTIMO - La svolta si è avuta nel momento in cui la commissione elettorale ha ricusato, per ragioni di altro genere, la candidatura della nuova formazione : solo per questo motivo l'aspirante parlamentare  potrà presentarsi con il suo vero partito. Provvisoriamente: perchè la commissione centrale presso la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso dei novelli bucanieri . Simona intanto aspetta. Ma ha tirato fuori le unghie: in commissariato c'è una denuncia per falso e sostituzione di persona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cinisello Balsamo, bimba di 4 anni investita da auto: soccorsa e portata al San Gerardo

  • Incidente in tangenziale Nord, auto perde controllo e si schianta: tre ragazzi feriti

  • Trenta ragazzi al parchetto, arriva la polizia locale: due denunce e polemiche sui social

  • Sopra il cielo di Monza, la magia della stella cometa Neowise

  • Dal 13 al 18 luglio, consulenze e visite gratuite per le donne negli ospedali dell’ASST di Vimercate

  • "Mi hanno rubato tutto" e sui social scatta la gara di solidarietà per aiutare artigiana

Torna su
MonzaToday è in caricamento