Firme false alle Regionali 2010, depositata la sentenza contro Formigoni

Le controparti dei radicali Cappato e Lipparini condannate a pagare le spese processuali di 15mile euro

Marco Cappato

MONZA - Il Tribunale di Milano ha depositato mercoledì il dispositivo della sentenza  che dichiara false 723 firme prodotte a sostegno della lista Formigoni per le elezioni regionali in Lombardia nel 2010. Le controparti dei querelanti, i radicali Marco Cappato e Lorenzo Lipparini.  sono state condannate a pagare 15mila euro di spese processuali.Si tratta di un numero di firme false tale da invalidare la presentazione a suo tempo della Lista Regionale per la Lombardia che sosteneva la candidatura dell’ex presidente della Giunta Regionale Lombarda Roberto Formigoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Seccati Cappato e Lipparini. "L'Italia è il paese dell'impunità e dell'antidemocrazia: Formigoni doveva andare a casa per la truffa elettorale senza la quale nel 2010 non avrebbe potuto nemmeno essere candidato, e invece è in Senato che si appresta a votare il nuovo capo dello Stato". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non faceva male la fame ma quello che eravamo costretti a vedere": ecco che cosa è stato il Covid in corsia

  • Visite e tamponi post covid gratis in Lombardia: a Monza un solo nuovo caso

  • La vita da pascià dell'imprenditore "povero": 10 anni tra auto sportive di lusso, ville e soldi

  • Aggredita insieme al suo volpino da due pitbull lasciati liberi: portata via in codice giallo

  • Auto rubate smontate in pausa pranzo e rivendute in un demolitore di Monza: 10 arresti

  • Mascherine obbligatorie in Lombardia fino al 14 luglio: "Fa caldo, ma la indosso anche io"

Torna su
MonzaToday è in caricamento