menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gallera in consiglio, foto da profilo Facebook

Gallera in consiglio, foto da profilo Facebook

Gallera l'inossidabile, l'ex assessore torna in consiglio: "Qui per servire la mia comunità"

Primo giorno nelle nuove vesti di consigliere per Gallera. Su Fb: "Sono stato il più votato"

Gli hashtag scelti la dicono lunga: "Dai, dai, dai" e "la forza dei fatti". Non ha nessuna intenzione di mollare, Giulio Gallera, l'ex assessore al welfare "silurato" dalla giunta Fontana per lasciare spazio a Letizia Moratti e da martedì "semplicemente" consigliere regionale. 

Nell'ultima giunta, l'ex uomo del welfare - messo "nei guai" da una serie di gaffe che ne hanno minato l'immagina pubblica - ha ripreso il suo posto in aula e ha partecipato a tutta la seduta, affidando poi a Facebook le sue emozioni e sensazioni. 

"La politica è servizio. Fin dal 1997 mi sono sempre candidato chiedendo la fiducia ai miei concittadini per rappresentarli nelle istituzioni. Per quattro volte consecutive sono stato eletto in Consiglio Comunale a Milano e per due volte in Consiglio Regionale. Al Comune di Milano ho avuto la fortuna, dal 2001 al 2006, di ricoprire l'incarico di assessore nella seconda giunta Albertini e in Regione Lombardia sono stato in giunta per sei anni, quattro e mezzo dei quali come assessore alla Sanità", ha ricordato Gallera, che ha anche postato una serie di foto che lo ritraggono al Pirellone.

Quindi, un po' di spazio all'orgoglio personale: "Nel 2018 sono stato il candidato più votato di tutti i partiti in Lombardia - ha rimarcato l'ex assessore -. Forte di questo straordinario consenso, oltre che delle migliaia e migliaia di messaggi di sostegno, gratitudine e riconoscenza che ho ricevuto in questi giorni, torno fra i banchi del consiglio Regionale per continuare a servire la mia comunità", la sua promessa. E poi quegli hashtag che rendono ancora più chiara la sua voglia di non mollare e andare avanti. 

L'addio al welfare

Anche dopo l'addio, obbligato, al welfare e la sostituzione con Letizia Moratti, Gallera aveva voluto salutare tutti via social. "Grazie, grazie, grazie. Mi avete letteralmente travolto con oltre 12mila like e 3mila messaggi di apprezzamento e vicinanza", aveva scritto l'ex esponente della giunta Fontana, che proprio parlando di Gallera lo aveva ringraziato facendo riferimento alla "stanchezza" del suo ex assessore e a un "avvicendamento condiviso". 

"Sapere che migliaia di lombardi hanno compreso ed apprezzato il mio lavoro in questo lungo periodo mi ha commosso profondamente - aveva proseguito il volto storico di Forza Italia -. Io ho gestito questa situazione pazzesca al meglio delle mie capacità e mi commuovere riscontrare che i miei concittadini abbiano riconosciuto lo straordinario sforzo compiuto", aveva sottolineato l'ex assessore, che anche nelle ore precedenti aveva nuovamente affidato ai social i suoi pensieri, confidando di essere "estenuato", ma di non avere rimpianti e specificando di non aver richiesto nessun altro incarico al Pirellone. 

"Guardo l'orizzonte con stanchezza, ma anche con la consapevolezza di aver rappresentato una speranza - aveva concluso l'ex uomo del welfare -. E in questo momento non posso che ripetere, avanti sempre a testa alta". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento