menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grande Brianza con Como: Scanagatti dice si, Lecco no

Opinioni differenti e una gran confusione. Si immaginano gli scenari, e il sindaco di Monza è entusiasta. "Vantaggi per i cittadini". Ma Virginio Brivio dice niet

MONZA - Scanagatti dice si alla Grande Brianza con Como e Lecco. «Sarebbe assurdo pensare a un inserimento nella città metropolitana. Sono favorevole alla nascita della Grande Brianza - ha dichiarato il sindaco di Monza al Corriere di Como -  È evidente che questo provvedimento del governo Monti non risponde alle logiche di razionalizzazione degli enti, ma solo a un taglio di costi. Ecco perché è proprio questo il momento in cui vale la pena di fare una riflessione sui possibili vantaggi per i cittadini. Questa deve essere la priorità».

VARESE - Anche il primo cittadino di Varese, Attilio Fontana,  è favorevole all'unione con Como,  ma in una provincia insubre da cui la città di Teodolinda sarebbe esclusa. Il progetto è stato delineato nei giorni scorsi da Roberto Maroni: un solo ente con Como, Lecco, Varese, Sondrio, e le piemontesi Novara e Verbano-Cusio-Ossola. "Un'unica provincia autonoma interregionale dei laghi prealpini - riporta ancora il quotidiano citando il leader leghista - con le Regioni che però manterrebbero giurisdizione sui loro territori". A occhio e croce, più una sparata che altro.  

LECCO -  Chiudono invece la porta e rivendicano l'autonomia ottenuti pochi anni fa i "cugini" della sponda opposta del Lario. "Indietro non si torna"  ha tuonato il sindaco  di Lecco Virginio Brivio di fronte alla possibilità di un accorpamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento