Politica

"Consigli comunali e commissioni in presenza con il Green Pass": la richiesta parte dalla Brianza

A chiederlo è Francesca Pontani, consigliera di Italia Viva a Monza

Torniamo a una politica democratica in presenza: Green Pass per partecipare al consiglio comunale e alle commissioni.

La richiesta, solo all’apparenza provocatoria, è della consigliera Francesca Pontani (Italia Viva). Dopo oltre un anno e mezzo di discussioni e consigli da remoto la consigliera monzese chiede un ritorno all’attività in presenza, facendo ricorso alla carta del Green Pass.

“Adesso che abbiamo questa possibilità utilizziamola - spiega Pontani a MonzaToday - Il Parlamento si riunisce da tempo, lo stato di emergenza è stato prorogato fino alla fine dell’anno. Speriamo di non dover continuare a fare politica da dietro uno schermo”.

Pontani ricorda che il Green Pass prevede l’ingresso anche a chi non è vaccinato, purchè si sottoponga a tampone. “Tampone che, logicamente, deve essere a carico delle istituzioni e non dell’assessore o del consigliere" precisa.

Dopo oltre un anno di consigli e commissioni a distanza la consigliera Pontani chiede a gran voce di poter tornare in aula. “Si potrebbe iniziare dalle commissioni - spiega - La Sala Giunta è abbastanza ampia per ospitare una decina di persone, ben distanziate. Il passo successivo, naturalmente, deve essere quello del consiglio comunale. Seguirlo da dietro uno schermo, con problemi di connessione sia per esponenti della maggioranza sia per quelli della minoranza non è più tollerabile”.

Un consiglio da remoto per la consigliera è pesante e difficile come una lezione in Dad. “Adesso che con il Green Pass si può accedere nei luoghi chiusi, o comunque dove ci sono molte persone, non ci sono più scuse. Che la politica ritorni in presenza” ribadisce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Consigli comunali e commissioni in presenza con il Green Pass": la richiesta parte dalla Brianza

MonzaToday è in caricamento