rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

L'inchiesta che ha portato agli arresti del 16 gennaio 2012

Ecco i filoni dell'inchiesta per la quale tre persone sono state arrestate, oltre al consigliere regionale Massimo Ponzoni che però al momento è irreperibile (sarebbe all'estero)

Tuttora irreperibile il più "eccellente" delle persone su cui pende il provvedimento di arresto, il consigliere regionale del Pdl Massimo Ponzoni.

E' stata la tenenza di Paderno Dugnano, insieme al nucleo di polizia tributaria di Milano, a dare esecuzione invece alle altre ordinanze, nell'ambito di una indagine condotta dalla procura di Monza. Arrestati l'imprenditore bergamasco Filippo Duzioni, l'ex assessore provinciale Rosario Perri e il vicepresidente della giunta provinciale Antonino Brambilla. Ai domiciliari anche Franco Riva, già sindaco di Giussano.

L'indagine, iniziata alla fine del 2009, si è sviluppata su due fronti: reati contro il patrimonio e finanziamento illecito a partiti o esponenti politici. Il primo filone riguarda l'ipotesi di bancarotta fraudolenta per l'immobiliare Il Pellicano srl, dichiarata fallita nel 2010. Il secondo filone riguarda il sostenimento di spese elettorali di Massimo Ponzoni, che nel 2010 è risultato primo degli eletti in consiglio regionale per il Pdl nella circoscrizione Monza-Brianza.

La guardia di finanza ha fatto trapelare che Ponzoni sarebbe accusato di avere potuto "determinare, almeno in parte, i contenuti dei piani di governo del territorio di Desio e di Giussano, assicurando ad imprenditori a lui vicini cambi di destinazione di terreni". Si tratterebbe in dettagli di nuovi ipermercati dei gruppi Pam e Carrefour. Secondo gli investigatori, l'imprenditore Filippo Duzioni avrebbe veicolato somme di denaro frutto degli accordi corruttivi.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inchiesta che ha portato agli arresti del 16 gennaio 2012

MonzaToday è in caricamento