menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Matteo Renzi in Alcatel (Signorile/MonzaToday)

Matteo Renzi in Alcatel (Signorile/MonzaToday)

Renzi a Vimercate, la visita all'Alcatel (con contestazione)

Lancio di uova sulle auto dello staff, ma Renzi 'dibbla' tutti ed entra da un ingresso secondario

Sono circa cento i manifestanti, a Vimercate, che 'accolgono' il presidente del consiglio Matteo Renzi di fronte alla sede Alcatel-Lucent, recentemente inaugurata. Al presidio hanno aderito Usb, Fiom, Fim e Uilm. Bersagli della protesta i licenziamenti nel settore delle telecomunicazioni e le politiche del governo in materia di lavoro, primo tra tutti il 'jobs act'. I lavoratori di Alcatel hanno proclamato uno sciopero di un'ora.

Guarda il video.

LANCIO DI UOVA - Il premier Renzi è entrato nella sede di Alcatel Lucent da un ingresso laterale. Le auto dello staff, arrivate davanti a quello centrale, sono state bersaglio di un lancio di uova da parte dei manifestanti.

INCONTRO COI SINDACATI - Il presidente del consiglio ha visitato il nuovo campus insieme all'amministratore delegato Roberto Loiola. Ha salutato i dipendenti dell'azienda ed ha scattato alcuni 'selfie' con loro. Al termine della visita, Renzi ha incontrato una delegazione di Fiom, Fim e Uilm, con la partecipazione della Rsu Alcatel. L'incontro si è svolto in un clima cordiale e si è focalizzato soprattutto sul mantenimento in Italia della produzione nel settore tlc. "La Silicon Valley brianzola deve avere un futuro, spero che la mia presenza aiuti a trovare soluzione alle vostre difficoltà", ha affermato Renzi.

"IMPEGNO NON BASTA" - Dopo l'incontro, Angela Mondellini (Fiom Monza-Brianza) ha affermato che "non ci è stato spiegato come l'impegno sull'agenda digitale si traduca in pratica per i lavoratori del settore tecnologico". E ha ribadito che il problema maggiore riguarda i lavoratori coinvolti negli ammortizzatori sociali, che prima o poi scadranno. Comunque per il 25-26 novembre è calendarizzato un tavolo al ministero proprio per affrontare il tema della "Silicon Valley" brianzola.

GUFI E CALABRONI - Durante il discorso presso i laboratori dell'azienda, Renzi tra l'altro ha affermato: "Siamo pieni di gente che dice che non ce la farete mai. Direte: 'Ora ricomincia con la storia dei gufi?'. No, con la storia del calabrone, che non dovrebbe stare in piedi ma invece vola, punge e fa anche male". E poi ha esortato a non proseguire con "i piagnistei", affermando che "il momento migliore per piantare un albero era vent'anni fa, ma il secondo momento migliore è adesso".

Guarda il video del discorso del premier.

INVESTIMENTI - Per Matteo Renzi, il settore della banda larga è uno di quelli in cui, nei prossimi decenni, si creeranno posti di lavoro. Ma, ha dichiarato, "dobbiamo imparare a semplificare, a centralizzare le spese e avere una regia unica che dia tempi certi. Questa è l'agenda digitale". Secondo il presidente del consiglio, il nostro Paese è "conosciuto al mondo per quadri, paesaggi, cibo e vino, ma anche per l'alta capacità dei nostri innovatori e della nostra tecnologia". 

UE DI BUROCRATI? - Il presidente del consiglio ha fatto anche un accenno alle recenti polemiche con gli organi dell'Unione europea. "Non ho mai detto che è un covo di burocrati", ha affermato, "ma inizio a crederlo". Poi ha proseguito chiedendo che tutto il denaro investito per produrre energia e innovazione non venga conteggiato nel Patto di stabilità. "Dimostriamo - ha concluso - che le aziende che fanno innovazione vengono aiutate".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento