rotate-mobile
Politica Centro Storico / Piazza Trento Trieste

Matrimoni gay, Scanagatti sulle trascrizioni: "Tema non più rinviabile"

L'intervento del sindaco di Monza e presidente di Anci Lombardia Roberto Scanagatti

"Di fronte a una forte pressione proveniente da settori non trascurabili della nostra società non possono essere circolari ministeriali cavillose a dire cosa possono o non possono fare i sindaci in tema di stato civile. Dovrebbe essere certo. Se un matrimonio è tale nello stato in cui viene celebrato, chi siamo noi sindaci per dire a due persone che il loro matrimonio a Monza, a Milano, a Perugia o a Orvieto, in quanto tale e con tutte le conseguenze civili che ne conseguono, da noi non può essere tale?".

Interrogativi e perplessità questi sollevati dal sindaco di Monza Roberto Scanagatti che sulla questione della trascrizione dei matrimoni gay ha chiesto l'intrevento del governo e del Parlamento.

"A seconda delle sensibilità, che vanno tutte rispettate, il sindaco deve agire in base a quel che prescrive la legge, sapendo però che chi chiede la trascrizione ha pieno diritto a ottenerla” ha commentato ancora Scanagatti.

A sollecitare l'Anci a invitare il governo a normare legalmente la questione della trascrizione di matrimoni gay contratti all'estero è stato un ordine del giorno del consiglio comunale del capoluogo lombardo che ha invitato il sindaco Pisapia a trascrivere i matrimoni tra persone omosessuali celebrati fuori dal Bel Paese.

“Il legislatore – continua il sindaco - non può più non rilevare cosa avviene nella società e ha il dovere di adeguare la normativa in tema di unioni dello stesso sesso. Va respinto qualsiasi approccio ideologico alla questione o di pretesto per farne una questione di lotta politica, come purtroppo mi pare stia avvenendo da qualche parte. E men che meno, soprattutto in questa delicata fase per tutto il Paese, serve uno scontro istituzionale”.

“Da sindaco - conclude Scanagatti - comprendo la difficoltà di tutti i sindaci, qualsiasi convinzione abbiano, perché da rappresentanti delle istituzioni più vicini ai problemi dei cittadini, sentono il peso di una responsabilità che non sono sicuri di poter esercitare fino in fondo, sia in un verso che nell’altro, perché sanno di avere di fronte due persone. Ed è questo che conta, per i sindaci, le persone" ha concluso Scanagatti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Matrimoni gay, Scanagatti sulle trascrizioni: "Tema non più rinviabile"

MonzaToday è in caricamento