Prolungamento della M5 da Bignami a Monza, la giunta procede spedita

Nella seduta di giovedì sono state approvate le osservazioni al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile di Milano concordate e predisposte con gli altri comuni dell'hinterland milanese tra cui Cinisello Balsamo

Si lavora per il prolungamento da Bignami a Monza

I comuni di Monza, Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo, Bresso e Cormano chiedono a Milano di integrare il Piano della mobilità con il progetto di prolungamento della M5 da Bignami a Monza attraverso il nodo di Bettola. Si tratta di un passaggio burocratico fondamentale perchè il progetto possa proseguire l'iter e l'intervento pianificato.

L'annuncio di una collaborazione tra i comuni della Brianza e dell'hinterland milanese era stato reso noto dalle amministrazioni comunali di Monza e Cinisello Balsamo in occasione del chiarimento della destinazione dei finanziamenti previsti nel Def per la realizzazione dell'infrastruttura nominata "Metropolitana Monza".

La giunta comunale monzese ha approvato le osservazioni al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) di Milano nella seduta di giovedì 23 aprile dopo un lavoro di condivisione con gli altri comuni coinvolti.

Le osservazioni oltre a confermare la disponibilità già nella prima fase di prolungamento da Bignami a Bettola dei terreni per il deposito treni sul territorio del Comune di Monza, sottolineano che tale tratta sarà realizzata in superficie, sul viale Fulvio Testi, con notevole risparmio di risorse, e che la stazione di Bettola (Cinisello/Monza) sarà realizzata contestualmente al capolinea della M1 con risorse private derivanti dallo sviluppo del Piano integrato di intervento (PII) del comune di Cinisello Balsamo.

Tra le richieste avanzate al capoluogo lombardo c'è anche la creazione di un nuovo “Hub del Nord Milano” che raggruppi l'esistente nodo di Sesto FS per l'interscambio treno-bus-metropolitana e il nuovo nodo Cinisello/Monza in località Bettola per l'interscambio auto-bus-metropolitana, intercettando i flussi di veicoli provenienti da SS36, A52 e A4.

“L'Hub intermodale Nord Milano – spiega l’assessore mobilità monzese Paolo Confalonieri, che con gli omologhi dei comuni coinvolti ha predisposto le osservazioni - è un progetto capace di interpretare il tema dell’accessibilità su scale metropolitana e locale che si declina non solo con la riorganizzazione delle attività commerciali, ma anche attraverso l’insediamento di funzioni culturali, ricreative e formative, nonché di servizi alla persona che potranno nel loro insieme generare un fulcro di attrattività di area vasta”.

A Bettola saranno presenti 1500 posti auto, una nuova stazione per gli autobus con annessa una velostazione da 500 biciclette, una ciclofficina e un sistema integrato di servizi per i ciclisti urbani.

“La decisione della giunta di Monza – aggiunge Confalonieri – è importante perché conferma ancora una volta l’intenzione dell’amministrazione Scanagatti di proseguire nell’impegnativo lavoro di portare la metropolitana fino alla Villa Reale di Monza. Un lavoro politico e amministrativo complesso che siamo decisi a portare avanti insieme agli altri comuni, e sul quale contiamo nel sostegno del comune di Milano, di Regione Lombardia e del governo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento