Dopo i telefonini, le cene: Romani ancora nella bufera

Sotto la lente di ingrandimento i rimborsi per cene "di rappresentanza" per decine di migliaia di euro. Rimborsi pagati puntualmente dal Comune

Paolo Romani (foto AP)

MONZA - Paolo Romani ancora nella bufera. Sotto la lente di ingrandimento i rimborsi delle spese di rappresentanza dell'ex ministro piombato a Monza due mesi fa per portare a casa la variante al Pgt (obiettivo fallito) e lanciare gli azzurri nella volata elettorale. Si tratterebbe di una cifra compresa tra i 20.000 e i 30.000 euro. Romani era già indagato per peculato nell'ambito della vicenda sulle maxi-bollette da mezzo milione di euro recapitate da Telecom a Palazzo. A quanto si apprende, il sindaco Mariani negli anni scorsi avrebbe tagliato all'improvviso  i rimborsi ai membri della Giunta preoccupato dell'andazzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento