Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

Pedemontana, inaugurazione tra le polemiche: "Troppe perplessità"

Le questioni irrisolte sono ancora tante secondo il Presidente della Provincia Gigi Ponti, dal closing finanziario al cronoprogramma passando per i fondi destinati alla viabilità connessa

Mancano poche ore al taglio del nastro per la tangenziale di Varese, lo svincolo di oltre 4,5 km realizzato da Pedemontana, previsto per sabato, e si avvicina sempre più anche l’appuntamento di lunedì, quando verrà ufficialmente messa in funzione la tratta A dell’Autostrada Pedemontana.

L’attesa non si è caricata di entusiasmo per tutti e in Brianza a sollevare diverse perplessità ancora legate alla realizzazione dell’infrastruttura ci ha pensato il Presidente della Provincia Gigi Ponti.

“Le questioni irrisolte restano parecchie – spiega il Presidente Ponti, che nei giorni scorsi ha partecipato al Comitato Tecnico di Pedemontana, alla presenza del nuovo Assessore regionale alle Infrastrutture, Alessandro Sorte – Al momento il closing finanziario non c’è e il cronoprogramma rimane nebuloso: per questo continuare ad affermare che la Pedemontana si farà e si farà tutta non basta più”.

Pedemontana collegherà il territorio da Est a Ovest, attraversando, sulla carta, ben 27 dei 55 comuni del territorio brianzolo. Alla direttrice principale si sarebbero dovute collegare una serie di nuove strade, grazie a un progetto di viabilità connessa che avrebbe dovuto portare più di 25 km di nuove tratte.

Guarda il video del viaggio sulla nuova autostrada Pedemontana. 

Il condizionale è d’obbligo perché ad oggi l’unica certezza che la presunta prossima apertura della tratta B1 della nuova autostrada fino a Lentate sul Seveso paralizzerà il traffico del territorio, congestionando soprattutto la Milano-Meda e le direttrici comunali connesse. Ponti, numero uno di Palazzo Grossi e sindaco di Cesano Maderno, si è fatto portavoce delle preoccupazioni che riguardano tutti i primi cittadini della Brianza interessati dalla tratta B2 di Pedemontana tra cui ci sono i comuni di Barlassina, Bovisio Masciago, Cesano, Lentate sul Seveso, Meda e Seveso.

La richiesta da parte del Presidente Ponti resta quella già avanzata tante volte e in diverse sedi in cui si è chiesto a Regione Lombardia di indicare con la massima urgenza i fondi destinati alla realizzazione delle opere connesse, almeno per mitigare gli impatti sulla Milano-Meda.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedemontana, inaugurazione tra le polemiche: "Troppe perplessità"

MonzaToday è in caricamento