rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
verso le elezioni

Piffer si candida alle politiche del 25 settembre

Il consigliere comunale ha scelto con chi schierarsi

Paolo Piffer tenta il grande salto a Roma e si candida per le politiche del 25 settembre. A dare l'annuncio è lo stesso consigliere comunale di Civicamente che il 25 settembre correrà insieme a Massimo Cappato nella neonata lista Referendum e Democrazia con Cappato. 

“Ho seguito ogni passaggio dalla nascita della Lista ad oggi - spiega Paolo Piffer in una nota ufficiale -. Partecipo sempre con molto entusiasmo alle battaglie di Cappato e anche questa volta non ho esitato nel dare il mio modesto contributo offrendo la disponibilità alla candidatura. Mi candido per la democrazia, per i diritti e per l’uguaglianza, perché la rivoluzione digitale sia davvero tale e perché la politica non rimanga una fortezza inaccessibile. L’impresa è ambiziosa ma ci sono abituato".

Paolo Piffer, 42 anni, cresciuto a Monza non è nuovo al mondo della politica. E alle sue sfide. Due lauree (la prima in psicologia della comunicazione, la seconda in scienze e tecniche psicologiche), presente sui banchi del consiglio comunale ormai da oltre dieci anni (il debutto nel 2012), adesso è alla sua terza giunta tra i banchi dell’opposizione.  "Senza questo progetto, per me, il 25 settembre sarebbe stato davvero difficile scegliere, forse impossibile". aggiunge Piffer. E l'appello agli elettori brianzoli arriva proprio da Massimo Cappato. "Chiediamo a tutti, e ai monzesi in particolare, di regalarsi un gesto di democrazia e legalità firmando urgentemente online per la nostra lista - si legge nel comunicato ufficiale -. Se il gioco nasce truccato, non c’è da stupirsi se il dibattito politico si riduce a becera demagogia condita da insulti reciproci, lontano dai diritti e dai problemi di tutti. Non saranno i bonus o le finte riduzioni delle tasse a salvarci, se i partiti per primi non rispettano nemmeno le regole più elementari della democrazia”.

La lista Referendum e Democrazia con Cappato in queste ore è impegnata nella raccolta delle firme digitali in tutti i collegi di Senato, Camera e nella circoscrizione Europa.  "Il gioco elettorale è evidentemente truccato e questi sono le ultime ore per il governo per intervenire con un decreto che riconosca la validità della firma digitale per la presentazione delle liste" si legge nel comunicato stampa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piffer si candida alle politiche del 25 settembre

MonzaToday è in caricamento