Processo per Massimo Ponzoni, chiesti otto anni e tre mesi di carcere

Chiusa la requisitoria del pm: ora toccherà alle parti civili

Chiesti otto anni e tre mesi di carcere per Massimo Ponzoni, già segretario di presidenza della regione Lombardia ed ex esponente del Popolo della Libertà. Questa la richiesta del pm Donata Costa al termine della requisitoria, che si è svolta il 9 ottobre nel tribunale di Monza.

Ponzoni è imputato per corruzione, concussione, finanziamento illecito, bancarotta fraudolenta e appropriazione indebita. Secondo le accuse, avrebbe partecipato (insieme a vari coimputati) a illeciti connessi a concessioni edilizie e modifiche ai pgt di alcuni comuni della provincia brianzola.  Donata Costa ha ritenuto di chiedere anche la concessione delle attenuanti generiche.

Il 16 ottobre saranno ascoltate le parti civili, salvo slittamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento